Un genitore: “Mio figlio autistico a scuola senza il sostegno”

Il padre si è rivolto al provveditorato: "Mi hanno risposto di pazientare perché non ci sono ancora tutti gli insegnanti"

I cancelli delle scuole sono stati riaperti da appena tre giorni e, se da una parte leggiamo le lamentele dei genitori preoccupati per la salute dei ragazzi e per il trasporto scolastico scadente, dall’altra c’è anche chi deve mandare il proprio figlio a scuola senza l’insegnante di sostegno.

A raccontarcelo è un padre di un bambino affetto da autismo che quest’anno ha cominciato la prima elementare: “Ad oggi – ci scrive – non è stato ancora assegnato il sostegno e quindi in questi giorni le maestre hanno provveduto a guardarlo da sole”.

“Questo – spiega il padre del bimbo – ha creato alcune difficoltà poichè queste insegnanti non hanno la formazione necessaria per gestire mio figlio in maniera consona. Questa mattina (16 settembre) ho chiamato il provedditorato per denunciare la situazione e per lamentarmi ma mi è stato risposto che per ora devo solo portare pazienza perchè nessun insegnante si è proposto per le cattedre vacanti”.

“Una vicenda veramente assurda – scrive il padre – io sono allibito per la situazione venuta a crearsi e mi domando se è possibile e normale una cosa del genere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.