Il Boccherini riapre le porte: boom di iscrizioni e primo concerto

L'appuntamento domenica (20 settembre) alle 21 nel nuovo nell’auditorium di piazza del Suffragio

L’istituto di studi musicali Boccherini si prepara a riaprire le porte. Anche quest’anno il conservatorio lucchese ha fatto registrare un nuovo record nelle domande di ammissione arrivate alla segreteria didattica di piazza del Suffragio. 212, contro le 185 dello scorso anno. Inoltre l’auditorium dell’istituto è pronto per ospitare nuovamente i concerti. A fornire i dettagli sulle domande di ammissione, fare un bilancio dei mesi appena trascorsi e parlare delle aspettative per quelli a venire sono stati questa mattina (18 settembre) il direttore Fabrizio Papi, il vicedirettore GianPaolo Mazzoli e il sindaco Alessandro Tambellini.

La riapertura sarà nella massima sicurezza con le procedure anti Covid19 approntate, i servizi di pulizia straordinaria programmati e gli spazi per la didattica che nei mesi passati sono stati sottoposti a sanificazione e in alcuni casi anche stati oggetto di ammodernamenti. Per facilitare le operazioni i tempi per presentare la domanda di ammissione sono stati estesi fino 14 agosto (non essendo possibile esaminare i candidati in presenza, è stato necessario inviare materiale registrato, più complesso da produrre) e le rette sono state ridotte. Delle 212 domande arrivate, 13 riguardano i corsi base, 42 i corsi propedeutici, 73 i corsi di diploma accademico di I livello e 84 i corsi di diploma accademico di II livello. Il 50 per cento proviene dall’estero.

“Non mi stancherò mai di ripetere che il Boccherini appartiene profondamente alla città ed è motore della sua vita culturale – ha esordito il sindaco Tambellini – Non dimentichiamoci che a Lucca la musica riveste un ruolo fondamentale dal punto di vista degli eventi ma anche nella formazione delle giovani generazioni. Da noi i bambini iniziano a conoscere la musica fino dalla scuola materna, abbiamo interessanti esperienze con le orchestre delle scuole medie, un ottimo liceo musicale e il cerchio della formazione si chiude qui, al conservatorio. È con vera soddisfazione quindi che il Comune accoglie la notizia di questa crescita delle domande di iscrizione e della ripresa dei concerti, perché queste sono prospettive reali per la cultura nel nostro territorio”.

“A cose normali settembre per l’Issm Boccherini è il mese più intenso e prezioso perché ospita il nostro fiore all’occhiello, il ciclo di concerti Open Gold – ha affermato il direttore Papi .- In questo anno così difficile ci pare bellissimo poter annunciare una cosa apparentemente scontata come la ripresa dell’attività e dei concerti, frutto di un attento lavoro di riorganizzazione della didattica e degli spazi dell’Istituto. La crescita delle domande di iscrizione ci ripaga della cura con cui da anni organizziamo l’offerta formativa qui al Boccherini e ci permetterà di selezionare i migliori tra i tanti aspiranti allievi”.

Domenica (20 settembre) poi, alle 21, per il concerto torneranno a suonare l’Orchestra d’archi del Boccherini diretta da GianPaolo Mazzoli, le prime note a essere udite di nuovo nell’auditorium di piazza del Suffragio, anch’esso attrezzato per garantire la sicurezza di musicisti e spettatori. Il programma della serata si muove tra Ottocento e Novecento, con un repertorio particolare e suggestivo. Il concerto, a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria, sarà trasmesso in diretta su NoiTv.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.