Il comitato precari: “Manca la metà degli insegnanti alle superiori”

I docenti: "Sono ancora scoperte 330 cattedre per il sostegno"

“Mancano quasi metà dei professori per materia nelle scuole superiori in tutta la provincia, hanno meno carenze solo i licei ma anche al classico manca l’insegnante di greco, così come allo  scientifico quelli di matematica e fisica. Negli istituti professionali la situazione è assai peggiore con punte di assenza di metà del corpo docenti”. E’ la situazione nelle scuole lucchesi che viene dipinta dal comitato docenti precari di Lucca.

“Alla scuole medie e materne – sostiene Oscar Pellegrini per il comitato – si oscilla  tra percentuali intorno 20%-30% del corpo docenti. Sono rimaste scoperte ben 330 cattedre di sostegno su tutti gli ordini e gradi in tutta la provincia. Manca il personale Ata che deve sanificare con molta più accuratezza le classi”.

“E siamo ancora qui. Ancora e come ogni anno. Precari – scrivono dal comitato -. In fila con il cuore e il cappello in mano. Davanti un ufficio o, come in tempo di Covid si impone, di fronte un monitor. A litigare con siti istituzionali che non funzionano, punteggi da ricalcolare, errori da segnalare e normative sibilline che neppure a livello centrale sono comprese per come vengono fornite. Intanto in tasca il telefono squilla. Sono i genitori, gli alunni e i colleghi che chiamano e chiedono. Ci dicono quando tornate?”.

“Ogni tanto ci nominano in televisione, sempre in vicinanza di qualche evento elettorale – è la critica del comitato -. Ci dicono che siamo importanti e saremo stabilizzati, ma poi nulla accade. Mai. Aspettiamo percorsi abilitanti che non si istituiscono da anni, assunzioni in nome di norme europee che in Italia valgono meno delle favole che ci raccontano, concorsi che non si faranno e, se si faranno, saranno talmente difficili da consentire di assumere una percentuale ridicola. Così si risparmierà e rimarremo come siamo. Precari. Quelli che ogni anno finiscono in cattedra senza continuità didattica, sbalzati da una scuola all’altra costretti a discontinuità e incertezza, obbligati a prendere il primo incarico utile. Cercando il posto libero come topi sotto la pioggia. E ogni volta facciamo il nostro lavoro con passione e impegno: diamo istruzione, voti e sostegno ai nostri alunni ma, quando si parla di stato, sicurezza, stabilità, cambia tutto. Ci viene chiesto di dimostrare la bravura tramite concorsi impossibili, fatti apposta per non assumere. Quindi ci bocciano ma continuano a tenerci in cattedra. Perché siamo degni di insegnare, non di tutele legali. Intanto attorno è il caos. Le campanelle suonano a orari ridotti per carenza di insegnanti. Le scuole vanno in didattica a distanza e gli alunni con disabilità vengono lasciati a casa perché non c’è organico. Perché si richiedono prima i banchi che gli insegnanti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.