Deccio di Brancoli e Tramonte, divieto di utilizzo dell’acqua del rubinetto

Ordinanza di stop dopo le analisi batteriologiche all'acquedotto del Borellone. Avviate le verifiche di Geal

Gli abitanti delle frazioni di Deccio di Brancoli e di Tramonte non potranno utilizzare momentaneamente l’acqua del rubinetto per usi potabili, se non dopo averla bollita.

Lo dice un’ordinanza firmata stamani (7 ottobre) dal sindaco, che tiene conto dei risultati delle analisi effettuate da Geal su alcuni campioni d’acqua prelevati dall’acquedotto del Borellone, da cui è risultato il superamento di alcuni parametri di qualità dal punto di vista batteriologico, probabilmente causato da singoli episodi atmosferici degli ultimi giorni. Geal sta già eseguendo a questo proposito tutte le verifiche e gli opportuni interventi, manutenzioni e disinfezioni per rientrare quanto prima nei parametri normativi.

I cittadini dunque potranno utilizzare l’acqua del rubinetto per usi potabili soltanto dopo averla bollita fino a quando, sulla base dei risultati degli interventi e degli ulteriori approfondimenti di Geal, l’ordinanza di divieto non sarà revocata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.