Tiglio in viale Regina Margherita, il Comune ribadisce la necessità di tagliarlo

Al suo posto un nuovo esemplare di età e dimensione grande in posizione più arretrata se la Soprintendenza darà l'ok

Tiglio collocato a lato della pista ciclopedonale di viale Regina Margherita nei pressi del percorso della sortita San Colombano, l’amministrazione comunale ribadisce quanto già detto sabato scoorso (3 ottobre). Come evidenziato dalle tomografie il fusto dell’albero è completamente cavo per l’azione profonda di una carie che non risparmia nemmeno i rami principali rendendo la grande pianta notevolmente fragile.

“Come confermato dalla perizia dell’agronoma Irene Benvenuti – spiega ancora il Comune – l’esemplare è classificato nelle categorie più alte di rischio che, in virtù della collocazione in un punto di intenso passaggio, sia veicolare sia pedonale, lo rendono assolutamente non compatibile con la sicurezza pubblica. Per effetto del vento i grandi rami possono creare forze di torsione in grado di provocare il distacco all’attaccatura con il tronco degli stessi o addirittura la rottura del fusto. Per questo motivo, acquisita la perizia tecnica, il Comune ha deciso di estendere e rafforzare già da domani la transennatura di sicurezza intorno all’esemplare malato”.

L’amministrazione comunale nel corso delle verifiche necessarie alla compilazione della scheda Vta ha valutato con tecnici specializzati la possibilità di operare un intervento di consolidamento dell’albero accennato come ipotesi nella relazione dell’agronoma. “Tale intervento è poi stato escluso per quattro motivi – spiega ancora òa nota – l’impossibilità di ridurre i rischi di incidenti a un livello accettabile, la necessità di mantenere comunque la chiusura con transenne dell’area a rischio, l’impatto dimensionale e visivo che tale intevento comporterebbe, l’irreversibilità della patologia che sta conducendo a morte la pianta”.

“L’unica proposta ipotizzabile di consolidamento prevederebbe infatti – spiega l’amministrazione – la costruzione di una sorta di enorme gabbia metallica piramidale in grado di sorreggere con cavi di sicurezza il peso dei singoli rami, in caso di rottura o scosciamento, ma anche di sorreggere dell’intera chioma dell’albero in caso di collasso del fusto. Come già detto, anche con questa struttura, eretta con calcoli ingegneristici, pur riducendosi le possibilità di danno a cose o persone, nessuno sarebbe comunque in grado certificare che il distacco di una delle pesanti branche – se pure assicurate con cavi alla piramide – non travolgerebbe comunque i passanti. La zona dovrebbe quindi restare transennata e interdetta”.

Il Comune di Lucca vuole comunque accelerare i tempi della sostituzione dell’esemplare con un nuovo tiglio di età e dimensioni grandi e chiederà alla Soprintendenza un’autorizzazione paesaggistica per l’impianto del nuovo albero negli spalti delle Mura, in un punto più arretrato e libero rispetto alla posizione dell’albero malato, per consentira alla nuova pianta di crescere meglio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.