Tremila nuovi alberi a Lucca: il progetto mette radici foto

Parte a breve la prima messa a dimora di 1250 esemplari con lo scopo di assorbire le emissioni e favorire la biodiversità

Piantare 3000 alberi in tre anni, è questo il Progetto nuovi alberi, un’iniziativa ambientale messa in campo, grazie all’impegno dell’associazione Talea e a cui hanno partecipato numerosi enti pubblici e privati. Parte a breve la prima messa a dimora di 1250 esemplari con lo scopo di assorbire le emissioni e favorire la biodiversità.

I primi alberi metteranno radici i primi giorni di dicembre, nei primi due terreni messi a disposizione dal comune di Lucca che si trovano a Monte san Quirico e santa Maria a Colle.

A presentare l’iniziativa numerose le figure istituzionali e i privati che si sono ritrovati nella conferenza tenuta nella serra dell’Orto Botanico, il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, l’assessore all’ambiente Francesco Raspini, il presidente del Consorzio di Bonifica Toscana nord Ismaele Ridolfi, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca Marcello Bertocchini, il membro del Consiglio di Banca del Monte di Lucca Lamberto Serafini e il presidente dell’associazione Talea Giacomo Gregori.

Apre la conferenza la curatrice dell’Orto Botanico, Alessandra Sani: “Non potevamo che sfruttare questo questo splendido giardino, per lanciare questa iniziativa legata agli alberi. Sono passati duecento anni da quando è stato piantato il primo albero dell’Orto Botanico, era il 1820, quest’anno festeggiamo il bicentenario”.

A presentare il progetto è l’assessore all’ambiente Francesco Raspini: “Piantare 3000 alberi in tre anni è una bella sfida. Ringrazio tutti gli uffici comunali e il personale che hanno lavorato a questo progetto, nato dagli sforzi comuni tra istituzioni, associazioni e singoli privati. Molte aziende infatti hanno deciso di contribuire, se esiste un modo per vincere questa battaglia per l’ambiente occorre l’unione di tutti”.

“La mia passione per le piante proviene dalla mia famiglia – dice il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini – Voglio ringraziare per prima l’associazione Talea, il Consorzio di bonifica, la fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, la Fondazione Banca del Monte di Lucca, e altri, un grande riconoscimento a voi che avete sostenuto questa iniziativa”.

Anche il presidente del Consorzio di Bonifica Toscana nord Ismaele Ridolfi esprime la solidarietà e l’impegno al progetto:  “Nei sessantaquattro comuni ai quali abbiamo sui quali il consorzio opera, abbiamo presentato questa proposta e il comune di Lucca l’ha recepita immediatamente aderendo con tutti i mezzi a disposizione.”

Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Banca del Monte sono stati fondamentali per fornire fondi all’iniziativa.
“Grazie, abbiamo stanziato fondi importanti per questa iniziativa- dice il presidente di Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Marcello Bertocchini – Si tratta di qualcosa di pratico da attuare e il risultato è stato un successo oltre ogni previsione. Complimenti all’associazione Talea, motore di questo progetto. Ci auguriamo che questo sia solo il primo passo e che la stessa cosa sia riproposta anche in altri comuni”.

“Si sta cercando di sensibilizzare gli uomini nella salvaguardia del pianeta. E’ difficile passare alle azioni, si tratta di uno sforzo e un impegno notevoli, di conseguenza è un problema trovare uomini a disposizione – dice Serafini, membro del Consiglio della Banca del Monte di Lucca – Banca del Monte vuole mettersi a disposizione di questi uomini che sanno passare dalle parole ai fatti, a loro non mancherà mai il nostro appoggio”.
Conclude la conferenza, Giacomo Gregori presidente associazione Talea:
“Sono emozionato e contento che questo progetto abbiamo superato tutte le aspettative, un progetto importante da portare avanti. Ci siamo trovati di fronte a mille difficoltà, ma c’era necessità di agire, l’amministrazione ha prontamente recepito e specialmente l’assessore Raspini ha contribuito a spronarci a superare queste difficoltà – prosegue Gregori – Una volta che siamo riusciti a mettere in moto il progetto, molte persone si sono unite, associandosi si hanno contribuito a coprire il costo di 2665 alberi su 3000 e sono sicuro di raggiunge nel giro di poco tempo la cifra completa”.

Oltre all’associazione Talea, che ha curato l’intera iniziativa, hanno contribuito: il comune di Lucca, la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, la Fondazione Banca del Monte di Lucca, gli sponsor privati, Sofidel spa, Tagetik srl, Mei Valvole industriale, Lamm centro analisi, Farmacia Checchia, Labher Akeron, Farmacia Novelli, ristoranti Gli orti di via Elisa, Giglio, Gigliola e Buca di sant’Antonio, Numera srl, UniLucca Assicurazioni, Alfacolor srl e Vivai Paola Favilla.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.