Comitato: “Piazza Aldo Moro, il Comune si è dimenticato delle barriere architettoniche” foto

Tornano le ruspe a S. Concordio, i cittadini protestano: "E adesso chi pagherà l'errore?"

Tornano le ruspe in piazza Aldo Moro e il comitato Per San Concordio insorge.

“Le ruspe – si legge in una nota – sono tornate per rimettere mano a tutto il percorso pedonale intorno all’aiuola che era stato ultimato da poco e che aveva comportato una riduzione del terreno erboso e il taglio di tre alberi sani e rigogliosi. Il motivo di questo intervento? Perché – sostengono dal comitato – si sono dimenticati di rispettare le norme che regolano il superamento delle barriere architettoniche. La larghezza del camminamento non era sufficiente e mancavano i saliscendi. In qualsiasi tipologia di lavoro pubblico dovrebbe essere una priorità quella di rendere gli spazi accessibili a tutti”.

“Come hanno potuto dimenticarsene? Chi paga – si chiedono dal comitato – per questi rifacimenti dovuti a ingiustificabile errore? E i tecnici responsabili verranno ricompensati per questa loro dimenticanza? Che cosa ha animato ed anima il pensiero di coloro che definiscono questo genere di opere come riqualificazione del verde e che hanno giustificato i progetti dei quartieri social anche con la motivazione di rendere più accessibili gli spazi pubblici?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.