Un residente: “Nuovo parco giochi a S. Concordio pronto ma ancora transennato”

Un abitante mette nel mirino la lentezza dell'opera

“Sono passati quasi sei mesi dall’inizio dei lavori del minuscolo parco giochi di via Passamonti a S.Concordio. I lavori sembrano conclusi da tempo ma tutto è ancora transennato”. A segnalarlo è un abitante del quartiere.

“I bambini piccoli che transitano da là osservano la struttura – aggiunge -, forse interrogandosi come i grandi del perché è ancora tutto interdetto. Altri bambini, già più indipendenti, a volte saltano la recinsione come per sfidare questo prolungato ed insensato stato delle cose. Poco più in là lo sgambatoio dei cani è utilizzabile ma ancora incompleto. La lentezza delle decisioni e dell’operatività del Comune non giova a nessuno. Al Comune che dimostra inefficienza, al quartiere che si presenta trascurato, a chi potrebbe usufruire delle strutture che non può”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Contrada S.Concordio
    Scritto da Contrada S.Concordio

    I lavori dei quartieri social di S.Concordio sono continuamente fermi per modifiche, acquisizione di pareri che mancano (lì in p.zza Campriani), varianti in corso d’opera e soprattutto continue correzioni e aggiustamenti a quanto già fatto, sia per le aree verdi che per le piste ciclabili. Però il sindaco è venuto subito, per dire ai manifestanti che si opponevano al taglio degli alberi sani in P.zza Moro che “non si potevano bloccare i lavori per mezza giornata”, come i cittadini pacificamente stavano facendo in attesa di chiarire se quegli alberi andavano abbattuti o meno, “che era illegale e sarebbe intervenuta la forza pubblica” (come difatti fu). Avevano fretta, poi evidentemente la fretta gli è passata.