Nasce il coordinamento Pro Manifattura: “Tagetik occasione unica, servono scelte rapide” foto

Un gruppo di cittadini lancia un appello su Change.org perché vada avanti la proposta di riqualificazione dell'ex opificio: "Una democrazia che non decide è destinata all'inconstenza"

È nato il coordinamento Pro Manifattura. Un gruppo di cittadini e cittadine che si sono fatti promotori di un appello, lanciato in queste ore sulla piattaforma Change.org, mossi dal “rischio reale che un progetto come quello della Fondazione Crl sulla Manifattura di Lucca possa essere rinviato o cancellato, provocando un danno inestimabile alla città e menomando il suo futuro”. Prezioso, per il coordinamento, l’impegno manifestato dall’azienda Tagetik.

“Tutto si può discutere – afferma il Coordinamento – meno che l’essenza del progetto, che consiste nel riuso moderno e vitale di spazi destinati altrimenti alla decadenza fisica”. Tra i primi firmatari e promotori, nomi noti in città per il proprio impegno professionale, politico, sociale e culturale. Sono Danila Andreoni, Mery Baldaccini, Maria Luisa Beconcini, Pierluigi Baschieri, Mauro Di Grazia, Laura Di Simo, Pietro Fazzi, Olivo Ghilarducci, Giuliano Grazzini, Nelita Lilli Begliuomini, Luciano Luciani, Anna Marchi, Ferruccio Pera, Gianfranco Pierotti e Michele Zardetto. La petizione è online (clicca qui) e punta, adesso, a raggiungere una platea più ampia di cittadini che condividono la stessa convinzione.

Si legge: “A fronte di un bombardamento mediatico senza eguali – soprattutto per la foga polemica, pari solo allo smarrimento del più comune buon senso -, si rende necessario un nuovo ‘appello’ sulla vicenda Manifattura Sud, un appello che non si pone altro obiettivo se non quello di esprimere una voce ‘fuori dal coro’, rispetto alle prese di posizione a connotazione negativa, pubblicate da quando è stata presentata la proposta di project financing da parte di Fcrl/Coima Sgr”. Il riferimento è sia al dibattito espresso sulla stampa dai consiglieri comunali sia alle posizioni del neo-nato coordinamento Salviamo la Manifattura, che si oppone alla proposta dell’ente di San Micheletto.

Prosegue l’appello di Pro Manifattura: “Già nel 2009, amministrazione Favilla, il programma Piuss riguardante la Manifattura prevedeva recupero e valorizzazione della parte nord, la più antica, e la vendita della parte sud per poter sostenere le spese del mutuo da contrarre proprio per il progetto Piuss. Col regolamento urbanistico del 2004 si prevedeva la realizzazione di nuovi edifici, alberghi, residenze, servizi. Con la variante al regolamento urbanistico del 2012 l’area viene subordinata a un programma complesso di riqualificazione insediativa, integrante il Piuss, con la previsione di diverse destinazioni d’uso: residenziale, direzionale, commerciale, artigianale, ricettivo, parcheggi“.

“Ad oggi però, dopo venti anni dal trasferimento della Manifattura a Mugnano – va avanti il coordinamento – nessun programma complesso di riqualificazione ha visto la luce, cosicché, senza la variante portata avanti dall’amministrazione Tambellini, l’area avrebbe avuto come unica destinazione quella produttiva. Siamo invece convinti che quei capannoni novecenteschi con gli ampi spazi aperti intorno, necessitino e meritino un restauro e un riuso degno della bellezza di Lucca, in quanto rappresentano una parte importante e consistente della città e corrono invece un altissimo rischio di decadimento strutturale“.

“La proposta avanzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca – ricostruisce il coordinamento – va esattamente nella direzione auspicata dalle amministrazioni comunali, indipendentemente dal loro colore politico. Nessuno poteva certo immaginare che la parte sud della Manifattura venisse elevata, a furor di popolo, a bene culturale di inestimabile valore, sebbene nessuno vi abbia mai avuto accesso a eccezione degli ex dipendenti dei Monopoli di Stato. Di cosa stiamo parlando veramente, se non di una volontà amministrativa confermata nel tempo e ampiamente condivisa con la città almeno in due tornate elettorali?”

“Fcrl ha proposto un recupero complessivo dell’area, con investimenti per circa 60 milioni di euro, con una programmazione dei lavori in fasi successive. Per la progettazione e gestione di una iniziativa di tale entità – si legge nell’appello del coordinamento – Fcrl ha scelto come partner tecnico Coima Sgr, una grande società milanese di gestione di fondi immobiliari. Forse Coima Sgr non annovera al momento tra i suoi professionisti l’urbanista di fama internazionale auspicato da qualcuno, ma certo la sua partecipazione alla creazione del nuovo quartiere di Milano Porta Nuova e il suo staff di esperti lasciano supporre prestazioni eccellenti“.

Prosegue il coordinamento Pro Manifattura: “La proposta implica la costituzione di un fondo immobiliare che vede Fcrl come unico sottoscrittore e quindi proprietario. Il fondo è gestito da Coima Sgr, che opera per conto di Fcrl. L’amministrazione comunale, in caso di aggiudicazione all’esito di gara di evidenza pubblica, conferirà al fondo la proprietà degli immobili che insistono sull’area quale forma di contribuzione al piano economico finanziario presentato per la realizzazione dell’opera pubblica, consistente nella costruzione di un parcheggio parzialmente interrato, di un parcheggio fuori terra, di una nuova piazza pubblica e la sistemazione di ulteriori piazze adibite a parcheggio in aree limitrofe alla Manifattura“.

“È ovvio – continua il coordinamento – che il progetto di sistemazione delle aree dovrà essere sottoposto al vaglio del consiglio comunale previa autorizzazione della Soprintendenza. Quest’ultima dovrà valutare, senza paraocchi ideologici o pressioni di parte, se gli interventi previsti siano tali da tutelare l’integrità dei fabbricati, certamente storici, ma destinati diversamente alla decadenza e a gravare sulla collettività come costo manutentivo“.

“Non entriamo nel merito del progetto complessivo in quanto tuttora in fieri e oggetto di un confronto costante e assiduo tra l’amministrazione comunale e i proponenti. Tuttavia – osserva il coordinamento non può essere taciuto un fatto che si è concretizzato nelle ultime settimane e che rappresenta, a nostro avviso, un asset importante per la realizzazione dell’iniziativa: la volontà espressa dall’azienda informatica Tagetik, nata a Lucca e divenuta una multinazionale nel settore informatico, di occupare con i propri uffici uno degli edifici (si parla di circa 7000 metri quadrati) del complesso. È un fatto di estrema rilevanza, non solo per l’ampiezza dello spazio richiesto, ma soprattutto per l’effetto di integrazione di una azienda digitale avanzata in un contesto urbano storico. È proprio di questi giorni la sottoscrizione di una lettera di intenti da parte di Tagetik per il trasferimento dell’attività aziendale nella nuova sede, con oltre 350 dipendenti che verrebbero a prendere il posto delle storiche sigarie del Novecento, con un balzo simbolico verso il futuro. È ovvio che questa opportunità implica anche tempi certi nel processo decisionale”.

“Come detto, non intendiamo entrare nel merito del progetto, ma certo si rimane quantomeno perplessi leggendo, ad esempio, che si vuole ‘svendere la manifattura ai privati’. Il privato – afferma il coordinamento – non è affatto un’entità speculativa astratta, ‘lasciato libero da vincoli sia di funzione che di cessione della proprietà’: quel privato è Fcrl. La Fondazione è dunque un nemico della città di Lucca, introdottosi nottetempo nelle sue fortificazioni per dominarla da dentro?”

“L’operazione Manifattura sulle linee accennate – si chiede il coordinamento – con Tagetik impegnata a portarvi l’attività, contraddice gli sviluppi culturali (città della cultura), turistici o architettonici che sono emersi nel dibattito cittadino? A noi pare, viceversa, che quando sarà completato l’intero progetto Manifattura, nord e sud, quest’area imponente della città storica potrà diventare attrattiva, anche in virtù di qualche innesto di architettura contemporanea, perché no?, su impianti storici. Dov’è lo svantaggio per l’amministrazione comunale e per la città di Lucca? Chi mette fretta sa che Tagetik ha giustamente rivendicato una scadenza al di là della quale l’accordo verrà meno. Non dobbiamo tenerne conto e attendere di prolungare all’infinito il dibattito ripetitivo, senza curarsi del fatto che una democrazia che non decide è destinata all’inconsistenza? Che senso hanno – va avanti l’appello – i ridicoli calcoli del costo a metro quadro dell’area, se non per sbeffeggiare l’operazione senza averne capito la portata? Ci sono altri proponenti, altri speculatori pronti a buttarsi su quel bene? Guardiamoci intorno e vediamo come sono finite altre ‘fameliche speculazioni’, come l’ex Cartiera Pasquini. Chiediamoci perché quegli edifici appaiono oggi orrori urbani, che deturpano la bellezza del centro storico”.

Conclude il coordinamento Pro Manifattura: “Non bastano chiacchiere interessate, o fantasmi ideologici, o pulsioni aristocratiche a salvare questa città: servono scelte, e in tempi rapidi. Abbiamo la fortuna che la città ha generato una Fcrl che ha a cuore il suo destino, certo più di quanti se ne riempiono la bocca senza saper valutare il futuro imminente. L’amministrazione comunale, con le sue modalità democratiche e di evidenza pubblica, deve scegliere in tempi brevissimi. Questo treno passa solo una volta: salviamola davvero, la Manifattura: dalla fine certa del crescente degrado, senza nessun’altra possibile sorte”.

Per sottoscrivere questo appello: http://chng.it/TwjDHBjYQg

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.