Vcs: “Sosta gratis in città serve solo a svilire il centro”

Il comitato contro Confcommercio e Comune

“L’Ascom ha taciuto per mesi su un argomento di fondamentale importanza per tutto il centro storico come quello della Manifattura, nonostante la proposta Coima prevedesse un rincaro spropositato del costo dei parcheggi, la impossibilità per il Comune di rivedere le tariffe al ribasso, anche soltanto per certi periodi senza il consenso dei milanesi, il divieto di realizzare altri parcheggi entro una certa distanza dalla manifattura, la proibizione di attivare altri sistemi di mobilità senza il consenso dei padroni della Manifattura, creare un polo mercatale nelle piazze della ex manifattura destinato a fare concorrenza con i mercati esistenti con conseguente desertificazione delle piazze dove questi mercati adesso hanno luogo. Di fronte a queste problematiche che hanno visto una enorme adesione popolare Ascom non ha battuto ciglio”. A dirlo è il comitato Vivere il centro storico.

“Nessuna reazione nemmeno di fronte alle numerose segnalazioni, apparse anche sulla stampa, durante l’ estate nella quali si segnalavano numerosi gruppi di giovani fuori dei locali senza mascherina e senza distanza di sicurezza, che sono tutti elementi che – si legge in una nota – hanno contribuito a riportare la Toscana in zona rossa, con tutti i divieti, anche commerciali, che adesso ne conseguono e per i quali adesso l’Ascom chiede i soldi del Comune e quindi a tutti i cittadini. Ebbene dopo tutto questo incomprensibile e ingiustificabile silenzio ecco che l’ Ascom ritorna sul palcoscenico lucchese per chiedere lo spegnimento dei varchi e magari, fra un po’ di tempo, passare alla richiesta di avere 300 stalli a pagamento in una Ztl che misura 800 per 1.000 metri. Richieste che hanno dimostrato la loro completa inefficacia durante la prima ondata e che hanno visto l’ appoggio e la difesa di parte da soltanto un paio di assessori di cui adesso ne è rimasto uno solo. Svilire di nuovo il centro storico con una misura che serve solo a far parcheggiare pochi furbi dove vogliono, non solo non serve a niente, ma è anche deleteria per l’ immagine del luogo e della giunta. Ci chiediamo se queste proposte trovano un consenso presso la base dei negozianti oppure siano iniziativa esclusiva di due o tre elementi della direzione dell’Ascom. Proposte che non servono a niente se non esacerbare i rapporti fra negozianti e residenti, alcuni dei quali cominciano a richiedere di promuovere iniziative volte a boicottare gli acquisti natalizi in centro invitando a rivolgersi ai siti online dove si trova di tutto e di più”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.