SiAmo Lucca: “Nuovi autovelox, nuovo pasticcio del Comune”

Il gruppo consiliare: "Non possono elevare le multe in automatico"

“Il Comune ha annunciato in pompa magna l’attivazione dal 26 ottobre di  cinque nuovi autovelox sulla circonvallazione, lasciando da subito intendere ai cittadini che questi apparecchi elevano multe anche senza la presenza di pattuglie della polizia municipale. Ma non è vero, perché le sanzioni possono essere fatte solo se in quei tratti vieni fermato dagli agenti e ti fanno la contestazione diretta. L’ennesima gaffe che dimostra il pressappochismo della giunta Tambellini anche su una materia delicata come quella della sicurezza stradale”.  Lo sottolinea in una nota il gruppo consiliare di SìAmoLucca.

“La normativa infatti prevede che, quando gli autovelox fissi vengono piazzati nei centri urbani, sia la Prefettura ad autorizzarne un funzionamento in automatico, con l’arrivo del verbale direttamente a casa nel caso l’apparecchio riscontri un’infrazione da parte del conducente del mezzo che vi transita davanti – spiegano i consiglieri comunali Remo Santini, Serena Borselli e Alessandro Di Vito -. Quindi l’amministrazione ha spacciato un funzionamento del sistema di rilevazione che non rispetta la legge vigente, e ora per ottenerlo ha dovuto chiedere un’autorizzazione proprio alla prefetto. Che difficilmente arriverà. L’obiettivo, molto discutibile, è chiaro: il Comune vuole evitare di tenere pattuglie fisse davanti gli autovelox perché altrimenti avrebbe potuto fare meno accertamenti: così il funzionamento da remoto delle apparecchiature consentirebbe di incassare molto di più”.

Ma qui, secondo gli esponenti della lista civica, c’è un altro aspetto che confliggerebbe con le normative e le interpretazioni date. “Far elevare le multe all’autovelox in remoto non garantisce i cittadini, che hanno il diritto di poter contestare direttamente all’agente che li ferma l’eventuale sanzione che si vuol fare loro, o comunque – proseguono i tre consiglieri comunali -.  Tutte le multe scattate senza la contestazione diretta di una pattuglia sono quindi impugnabili.  Un pasticcio insomma. Ancora una volta la giunta Tambellini se l’è suonata e cantata, facendo i conti senza l’oste: un clamoroso errore di metodo, condito dal tentativo di spaventare i lucchesi. Al momento, e lo ribadiamo con forza, i cittadini devono sapere che gli autovelox non producono multe in automatico se non si viene fermati da un vigile o da un agente della polstrada. E questo lo diciamo non per invitare a non rispettare i limiti di velocità, comportamento invece auspicabile, ma perché la popolazione deve essere messa  a conoscenza della situazione senza essere ingannata: affinché gli autovelox producano una multa valida, la pattuglia deve fermare il trasgressore che ha superato appunto i limiti. I soldi potevano essere spesi meglio?”.

Le postazioni fisse di cui si parla sono quelle in viale Luporini, in viale Carducci, in viale Puccini (in prossimità dell’incrocio con la traversa X), in viale Europa e in viale Carlo Del Prete, nel tratto iniziale vicino a Porta San Donato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.