Quantcast

Ritorno a scuola in presenza, trasporto pubblico senza intoppi. Baccelli: “Grande lavoro di squadra”

L'assessore all'ingresso dell'istituto Fermi Giorgi, dove gli studenti sono stati accolti con lo striscione 'Bentornati'

Si torna a scuola e la prima questione è quella del trasporto pubblico. Che viene promosso, a detta dell’assessore regionale Stefano Baccelli.

“I riscontri che mi arrivano da tutta la Toscana sono positivi – dice – sia per quanto riguarda i bus sia per i treni, infatti anche il direttore regionale di Trenitalia Scarpellini mi ha appena chiamato per comunicarmi che non ci sono state criticità o sovraffollamenti. Anche su Firenze sia l’urbano che l’extraurbano hanno funzionato bene”.

Baccelli questa mattina ha atteso l’ingresso degli studenti dell’istituto scolastico superiore Fermi-Giorgi di Lucca per poi spostarsi al Gobetti-Volta di Bagno a Ripoli, in provincia di Firenze, per l’uscita.

Scuola Fermi Giorgi riapertura striscione Bentornati

“Io ero all’ingresso dell’istituto Fermi-Giorgi di lucca – racconta Baccelli – ed è stata un’esperienza meravigliosa veder tornare i ragazzi, accolti da uno striscione della scuola con scritto Bentornati. Ho parlato con gli studenti, che erano felici di rientrare in classe, con gli autisti, con i tutor, con il personale della scuola. Lì tutto ha funzionato. Non solo il sistema di trasporto organizzato o dei bus aggiuntivi, ma anche il progetto Ti accompagno con i tutor”.

Non è stato necessario, per quanto riguarda il trasporto ferroviario, il ricorso ai bus aggiuntivi.

“Questo risultato – precisa Baccelli – è frutto di settimane e settimane di lavoro del Comitato regionale e dei Comitati provinciali, prima coordinati dalla Regione e poi dai Prefetti. Abbiamo aggiunto 329 bus sulla base delle richieste delle Province e della Città metropolitana. Solo tre Regioni hanno riaperto le scuole superiori oggi: la Toscana, l’Abruzzo e la Val d’Aosta. Le dimensioni di questi territori sono chiaramente diverse e se la Toscana è riuscita a ripartire posso dire con sicurezza che è merito solo di uno straordinario gioco di squadra. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato a questa organizzazione. Il nostro obiettivo era far tornare i ragazzi in classe in sicurezza e ce l’abbiamo fatta. Ora continueremo a controllare, avremo due incontri al giorno per monitorare l’andamento in tutti i territori e calibrare il servizio, variarlo nel caso si verifichino criticità”.

La ripresa della scuola è essenziale, seppur al 50% – ha aggiunto Baccelli – fino ad oggi questo settore ha pagato un prezzo altissimo, nonostante fossero state prese tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza in classe. Era necessario garantire il distanziamento anche sui mezzi pubblici utilizzati per arrivare a scuola, ma questo enigma sembrava irrisolvibile: la Toscana ha poco meno di 3000 bus e di certo non avremmo potuto raddoppiare la nostra dotazione, visto il limite di capienza al 50%. Ma organizzando, affinando, confrontandoci, collaborando con gli assessorati alla salute ed alla scuola è stato risolto”.

“La pandemia – ha concluso l’assessore – ha cambiato tutte le carte in tavola nel mondo dei trasporti: fino a pochi mesi fa l’obiettivo, per motivi economici ma ancora di più per motivi ambientali e di sostenibilità, era avere il mezzo pieno. Oggi accade esattamente l’opposto e quello che vogliamo è la distanza tra i passeggeri. Una rivoluzione, da progettare e realizzare in tempi rapidissimi. Da questo dovremo uscire con un trasporto pubblico rinnovato, che sia anche di supporto delle attività economiche e turistiche”.

L’assessore aveva ricordato il lavoro fatto e ringraziato tutti i soggetti coinvolti a vario titolo in un post pubblicato ieri sera sui suoi profili social. “Siamo pronti – ha scritto – Di sicuro abbiamo fatto tutto, ma proprio tutto il possibile per esserlo, grazie alla squadra, formidabile: prefetti, Province, Città Metropolitana, aziende di trasporto su gomma e su ferro, presidi, polizia locale, tutor, Aziende dei bus turistici e, last but not least, i miei uffici, straordinari anch’essi per dedizione, professionalità ed impegno. Quindi se domani e nei giorni successivi andrà bene, sarà merito di questa fantastica ampia e laboriosa squadra, se andrà male, non cercate altri capri espiatori, sarà solo colpa mia”.

Intervista da Muoversi in Toscana

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.