Rifondazione: “Ex Manifattura, il Comune chiuda con Coima e apra il confronto con la città”

Il partito sostiene l'appello del comitato cittadino sorto contro la riqualificazione proposta

“L’amministrazione chiuda con il progetto Coima/Fondazione e apra con i cittadini un confronto serio e aperto per stabilire cosa serve alla città e cosa vogliamo che Lucca diventi”. A dirlo in merito alla riqualificazione dell’ex Manifattura Tabacchi è il partito di Rifondazione Comunista di Lucca.

“Da diversi mesi ormai – si legge in una nota – si dibatte il futuro della parte sud della ex Manifattura Tabacchi e nel frattempo è cresciuta tra i cittadini la consapevolezza che il progetto presentato da Coima /Fondazione Cassa di risparmio sia assolutamente da rigettare. Come Rifondazione comunista siamo intervenuti ripetutamente per sottolineare i rischi e le negatività di quel progetto che, giova ricordarlo, priverebbe la città di un bene prezioso, tutelato culturalmente, per regalarlo a dei privati, che ne vorrebbero fare l’uso che più loro aggrada; che per anni (40 o 50 cambia poco) toglierebbe alle casse del Comune gli introiti di alcuni parcheggi; per non parlare dell’impossibilità per l’amministrazione comunale di programmare qualsiasi piano sulla mobilità e di tutte le altre regalie che Coima e Fondazione chiedono”.

“Tutto questo – si aggiunge – per realizzare semplicemente un parcheggio e una piazza coperta. Per tutti questi motivi condividiamo l’appello proposto dal comitato Uniti per la Manifattura e invitiamo i cittadini a sottoscriverlo. La ex Manifattura, per ciò che ha rappresentato per la nostra città, deve rimanere pubblica, ad uso pubblico. L’amministrazione chiuda con il progetto Coima/Fondazione e apra con i cittadini un confronto serio e aperto per stabilire cosa serve alla città e cosa vogliamo che Lucca diventi. Il dibattito non può essere relativo solo alla ex manifattura ma deve coinvolgere anche gli altri grandi contenitori in una visione complessiva, una visione (come chiede l’appello) volta a costruire progetti che colleghino storia e bellezza della nostra città, dando nel contempo risposte ai principali bisogni sociali e culturali della comunità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.