Accesso alla Ztl, prorogate le misure per gli operatori dei mercati

La deroga ai divieti prorogata a tutto il 2021

La giunta Tambelini, nella seduta di questa mattina (19 gennaio) ha formalizzato la proroga, per tutto il 2021, della possibilità di accesso al centro storico per gli operatori dei mercati cittadini che utilizzano furgoni euro 0,1 e 2 per il trasporto delle merci.

La misura restrittiva nei confronti di questi mezzi era stata assunta dall’amministrazione a seguito dell’approvazione del Pac-Piano ambientale d’area 2019-2021 per il miglioramento della qualità dell’aria, che relativamente a questo specifico punto aveva recepito direttamente la norma contenuta nel Piano regionale. Una prima deroga al divieto era stata chiesta dal Comune di Lucca alla Regione Toscana nell’estate del 2019, alla quale era seguita una seconda richiesta alla fine dello stesso anno, a seguito dello scoppio della pandemia.

“L’acuirsi degli effetti negativi legati alle restrizioni introdotte dal governo come misura di contenimento dei contagi – spiega l’assessora alle attività produttive Chiara Martini – ci ha convinti della necessità di rimandare ulteriormente questo adempimento, che pur essendo importante perché legato al miglioramento della qualità ambientale, aggiungerebbe difficoltà a difficoltà per tutti quegli operatori dei mercati cittadini che, dovendo cambiare il mezzo col quale lavorano, si troverebbero a sostenere un investimento notevole, proprio adesso che gli introiti sono ridotti pressoché a zero. Nel frattempo, in vista comunque dell’attuazione del provvedimento, mi attiverò per promuovere il sistema degli ecobonus nazionali e per capire con la Regione Toscana se ci sono gli spazi per poter prevedere un piano di incentivi per il rinnovo del parco mezzi, il tutto coinvolgendo le associazioni di categoria”.

La richiesta di ulteriore proroga è stata accolta dalla Regione Toscana agli inizi di dicembre. Sulla base di questo, dunque, per tutto il 2021 potranno accedere al centro storico, anche con mezzi euro 0, 1 e 2, gli operatori del mercato antiquario e delle manifestazioni previste dal Piano comunale del commercio su area pubblica: la fiera dell’esaltazione di Santa Croce, fiera di Natale, Pasqua e Settembre di piazza Napoleone, la fiera promozionale dei fiori e dei dolci di Santa Zita, quella delle Arti e dei Mestieri, quella del biologico in piazza San Francesco, la fiera promozionale Portone dei Borghi, la fiera promozionale Natale in Anfiteatro e quella dei fiori di Porta dei Borghi.

“Domenica scorsa – aggiunge l’assessora Martini – con l’inserimento della Toscana in zona gialla, abbiamo potuto vedere tante presenze al mercato dell’antiquariato e questo è un buonissimo segnale, soprattutto perché fa pensare che, una volta tornati ad una situazione di stabilità, ci sarà una ripresa delle attività. Quindi, ora più che mai, è essenziale sostenere gli operatori perché non chiudano e riescano a percorrere quello che tutti ci auguriamo possa essere l’ultimo miglio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.