Giornata della Memoria, in Consiglio le mozioni per la cittadinanza onoraria a Segre e Erbstein

Un atto anche in memoria di Norma Cossetto, uccisa dai partigiani jugoslavi, per il Giorno del Ricordo

Nella seduta del consiglio comunale di domani (26 gennaio) saranno portate alla discussione dell’aula le proposte di cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre (su proposta del presidente Battistini) e a Susanna Egri Erbstein (proposta del consigliere Minniti della Lega) e sarà ricordata Norma Cossetto (su proposta del consigliere Barsanti di Casapound). Ad annunciarlo è l’ufficio di presidenza del Consiglio composto, oltre che dal presidente Battistini, dai vice Maria Teresa Leone (Lucca Civica) e Massimiliano Bindocci (M5S).

Il 27 gennaio si celebra in tutto il mondo la Giornata della Memoria che commemora la vittime della Shoah: furono circa 6 milioni gli ebrei che morirono per opera dei nazisti. E domani (26 gennaio) nell’aula di Palazzo Santini sarà discussa la mozione per assegnare la cittadinanza onoraria a Liliana Segre (proposta del presidente Francesco Battistini), una dei 25 sopravvissuti dei settecentosettantasei bambini italiani di età inferiore ai 14 anni che furono deportati nel campo di concentramento di Auschwitz.

Dal 1990 impegnata nella divulgazione della sua esperienza di sopravvissuta, partecipando a molti incontri con gli studenti e convegni di ogni tipo, nel 2018 è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella “per aver illustrato la patria con altissimi meriti nel campo sociale”.

Nell’occasione sarà anche discussa la mozione per concedere la cittadinanza onoraria a Susanna Egri Erbstein (proposta del consigliere Giovanni Minniti). Ballerina e coreografa di successo, Susanna Egri Erbstein è la figlia del calciatore e allenatore ungherese Erno Erbstein (1898-1949) che allenò la Lucchese negli anni Trenta e fu vittima, in quanto ebreo, delle discriminazioni delle leggi razziali approvate dal regime fascista.

Nel corso della seduta verrà inoltre discussa una mozione in memoria di Norma Cossetto (del consigliere Fabio Barsanti), studentessa italiana, istriana di un villaggio nel comune di Visignano, uccisa dai partigiani jugoslavi nei pressi della foiba di Villa Surani. L’iniziativa assume un particolare significato in vista dea Giorno del Ricordo (10 febbraio) istituito con la legge 92 30 marzo 2004 per “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.

L’Ufficio di presidenza del consiglio comunale di Lucca – commentano il presidente del consiglio comunale di Lucca, Francesco Battistini, e i vice presidenti Maria Teresa Leone e Massimiliano Bindocci – nella assoluta consapevolezza che la memoria del passato debba servire come guida per l’agire nel presente, rinnova il suo impegno per chiedere, con forza, verità e giustizia per Giulio Regeni e per la liberazione di Patrick George Zaki, e che si ponga finalmente fine ai vari campi di segregazione e isolamento presenti ancora oggi sotto varie forme nel mondo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.