Quantcast

Approvato dalla giunta il piano della mobilità e della sosta del centro: scatta la rivoluzione Ztl e dei permessi foto

Si attivano nuovi varchi in attesa della realizzazione della rotatoria a Porta San Jacopo al termine della quale via Elisa diventerà a senso unico

Accessibile, vivibile, accogliente per tutte le persone che, a vario titolo, ogni giorno lo frequentano. È il centro storico di Lucca, che da oggi (3 febbraio) si dota di uno strumento operativo nuovo per migliorare la propria capacità di rispondere alle esigenze plurime dell’oggi – da una rinnovata attenzione alla qualità dell’aria alla tutela di funzioni vitali per la città murata come la residenza, il commercio e i servizi. Si tratta del Piano attuativo della mobilità e della sosta (Pams), presentato questa mattina dall’assessore alla mobilità Gabriele Bove, dall’assessore al traffico Celestino Marchini e dal comandante della polizia municipale Maurizio Prina.

Due gli obiettivi cardine di una pianificazione che arriva a sintesi di un percorso avviato nel 2019 e che ha previsto momenti di partecipazione e confronto pubblici: fluidificare l’attraversamento del centro storico, anche grazie all’introduzione di nuovi sensi unici, e semplificare il sistema dei permessi per l’accesso alla Ztl che, da maggio, saranno identificati da cinque colori diversi e immediatamente riconoscibili anche per chi avrà il dovere di vigilare sul rispetto delle regole: bianco, azzurro, blu, rosso e viola.

Ai nuovi contrassegni, di forma e dimensioni simili a quelli delle carte di credito, sarà associato un dispositivo Rfdi per tracciare permanenza e spostamenti nella Ztl: gli automobilisti più virtuosi nel rispetto delle aree percorse e dei tempi di sosta potranno beneficiare di riduzioni sul costo del rinnovo del permesso per l’anno successivo.

Il numero dei parcheggi – annosa questione che a fasi alterne scalda il dibattito cittadino – non subirà riduzioni. Anzi, nel momento in cui alcune aree saranno ‘rivoluzionate’, gli stalli gialli e blu potrebbero aumentare. Si tratta, in sostanza, di un’operazione di riordino e riorganizzazione che, una volta compiuta, lascerà in dote alla città nuovo spazio pubblico per l’incontro e la relazione, in coerenza con l’idea di città espressa nel piano strutturale – grande cornice di un puzzle che va così componendosi.

Una mezza luna pedonale, per esempio, qualificherà l’area di piazza Santa Maria che va da via della Cavallerizza fino all’imbocco di via Fillungo: gli stalli centrali saranno spostati nel comparto est in un unico grande parcheggio intorno ai due grandi platani.

Via Elisa diventerà a senso unico, rendendo superfluo il semaforo esterno alla porta, che verrà tolto. In questo modo sarà possibile sia ricavare nuovi stalli, sia migliorare la sicurezza dei pedoni e la piacevolezza della passeggiata. Contestualmente, sarà realizzata una rotonda fuori porta San Jacopo per smaltire gli ingorghi che nelle ore di punta bloccano quel tratto di circonvallazione.

Anche alla Lorenzini torneranno con ogni probabilità i parcheggi: se ne stimano 60, riservati ai soli residenti, e altri 30 blu nelle adiacenze dell’ex caserma.

I provvedimenti di revisione della Ztl e di gestione dei permessi saranno attuati per passi successivi. “Il piano esprime una visione di insieme – ha detto a questo proposito Gabriele Bove – ma non può essere, ovviamente, restituito operativamente tutto insieme. È il perimetro entro il quale andremo ad assumere le principali decisioni, a breve, medio e lungo termine sulla mobilità e la sosta nel centro storico”.

“Ringrazio – ha aggiunto Bove – tutti gli attori che hanno collaborato alla realizzazione del piano, dal settore mobilità e lavori pubblici alla polizia municipale passando per Metro e per la società Tema, che ha fornito preziosa e competente consulenza a tutto il percorso. Ringrazio ancora tutta la giunta e in particolare Valentina Mercanti e Chiara Martini, che si sono avvicendate nel ruolo di assessore al commercio. Questo lavoro è figlio del Pgtu (piano generale del traffico urbano), licenziato nel primo mandato dell’amministrazione Tambellini, e del Pums (piano urbano della mobilità sostenibile), approvato nel secondo”.

Soddisfatto del lavoro portato a termine anche l’assessore al traffico Celestino Marchini: “Questo è un buon piano, che guarda al centro storico inteso non solo come città antica dentro le Mura ma come sistema che dialoga con l’esterno. Teniamo ben presente che il nostro obiettivo è incentivare forme di spostamento dolci, soprattutto da e verso le Mura: per questo abbiamo spinto per riattivare e riqualificare tre importanti sortite e abbiamo quasi completato l’anello ciclopedonale esterno. Sempre in quest’ottica – continua Marchini – abbiamo voluto fluidificare il traffico con rotonde belle e funzionali, come quella davanti Porta Elisa o Porta Sant’Anna”.

“I nuovi permessi per la Ztl – aggiunge Marchini – saranno rilasciati da maggio a settembre secondo un preciso calendario che sarà opportunamente comunicato. Ad oggi si contano 10mila permessi: è un numero davvero importante, che dice molto sulla vitalità del centro storico. Siamo arrivati al Pams dopo un lungo periodo di concertazione e studio: adesso monitoreremo gli effetti e, se necessario, correggeremo il tiro sulla base dei dati raccolti dopo le necessarie fasi di sperimentazione”.

Il piano si interseca con il nuovo sistema di gestione della logistica delle merci, denominato Life Aspire, che entrerà a regime entro la fine del mese di febbraio e che prevede, fra l’altro, un sistema di controllo in entrata e uscita dei mezzi attraverso il sistema Rfdi e la possibilità di utilizzare il sistema del cargo bike per raggiungere gli esercizi commerciali collocati nella zona pedonale o nelle zone a traffico limitato.

Le modifiche al perimetro della Ztl interessano, sul medio-lungo periodo, diverse zone, tra le principali: in piazzale Verdi, angolo via San Paolino, dove è già stata attuata la Ztl, è prevista l’installazione di un nuovo varco Ztl e Rfdi collocato nella zona prospiciente la vecchia Porta San Donato per controllare l’accesso a quell’area specifica; entrerà definitivamente a regime il nuovo varco Ztl in via Vittorio Emanuele, angolo piazza della Magione, al termine del periodo di sperimentazione di 30 giorni;  per meglio tutelare i residenti e regolamentare l’accesso degli operatori commerciali, in occasione dei vari eventi in Piazza San Martino e vie limitrofe, verrà installato un nuovo varco Ztl in via del Molinetto, angolo Corso Garibaldi;  la realizzazione della rotatoria fuori Porta San Iacopo consentirà l’eliminazione dell’impianto semaforico presente e dunque una miglior gestione del traffico e della viabilità in loco, dopodiché sarà possibile, nella zona di Porta Elisa, intraprendere alcune modifiche, tra cui: il senso unico in Via Elisa e il conseguente aumento del numero di stalli di sosta lungo la via medesima, l’arretramento del varco Ztl presente di fronte a Porta San Gervasio all’angolo tra via Santa Chiara e via Elisa, lasciando comunque la possibilità di raggiungere sia la scuola che la clinica Barbantini.

La revisione del sistema dei permessi ha tenuto conto di tre criteri: una maggiore differenziazione fra i permessi di accesso limitati alla Ztl e quelli che possono accedere anche all’area pedonale; una maggiore omogenizzazione delle fasce orarie dei permessi per tipo di attività e una differenziazione delle tariffe, con costi maggiori previsti a carico dei veicoli più inquinanti. La nuova disciplina per il rilascio dei nuovi permessi entrerà in vigore dal 1 maggio. Per i rinnovi si seguirà il seguente calendario, con il rilascio già del nuovo permesso, in base alle precedenti categorie: EM, EC, ED, EV, EI, EG, EL il rinnovo inizierà il 1° maggio e terminerà il 31 maggio 2021; DM, A3, I, R, N, H dall’1 giugno al 30 giugno; DA, A5 dall’1 al 31 luglio; G, M, U, dall’1 al 31 agosto; T e A2 dall’1 al 30 settembre; A1 dall’1 settembre al 31 ottobre.

Per quanto riguarda la sosta, il piano prevede di trasferire progressivamente una quota della domanda di parcheggio all’esterno del centro storico, nelle immediate adiacenze delle Mura, puntando sulle distanze ridotte da percorrere. Per fare questo si dovrà migliorare ulteriormente la qualità dei collegamenti pedonali e ciclabili con il centro storico.

Per rendere consapevoli sulle ridotte distanze, il piano prevede inoltre un adeguato intervento di comunicazione e cartellonistica che possa informare cittadini e visitatori sui reali tempi di percorrenza (a piedi e in bicicletta) fra le aree di sosta adiacenti alle Mura e il centro città. Anche le tariffe legate ai parcheggi a pagamento dovranno rendere ancora più vantaggioso l’utilizzo dei parcheggi esterni rispetto a quelli interni al centro storico e di quelli in struttura rispetto a quelli a parcometro.

Infine, per quanto riguarda le linee del Tpl che attraversano il centro storico, il Pams fornisce indicazioni per rendere meno frammentari i percorsi e per consolidare all’interno di una programmazione annuale quelle modifiche che si rendono ogni volta necessarie in corrispondenza dei grandi eventi, in particolare il Summer Festival e Lucca Comics and Games.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.