La fiera di Pasqua durerà due settimane in più rispetto alle edizioni passate

Varato un ricco calendario di eventi commerciali straordinari per il 2021

Quest’anno la tradizionale fiera di Pasqua che si svolge in piazza Napoleone durerà due settimane in più rispetto alle edizioni passate.

Lo ha stabilito la giunta Tambellini, che in questo modo ha inteso sostenere gli operatori del commercio su aree pubbliche e, in particolare, quanti svolgono la propria attività in occasione di eventi specifici che non si ripetono durante l’anno, come appunto le fiere.

“La situazione di crisi economica legata alla pandemia e, al contempo, il protrarsi dell’emergenza per il contenimento del virus – dichiara l’assessora alle attività produttive Chiara Martini – ci ha portato a gestire i mercati, sia quelli inseriti nel Piano del commercio che quelli eccezionali, con la necessaria elasticità. Nel caso specifico della fiera di Pasqua, in considerazione del fatto che lo scorso anno non si è potuta svolgere e che la categoria degli ambulanti che lavorano con le fiere è sicuramente quella messa a più dura prova, abbiamo stabilito di prolungare l’appuntamento fino al 25 aprile, ovviamente sulla base di una previsione ottimistica dell’andamento della pandemia e pronti, comunque, ad adattarci a una situazione che dovesse risultare differente rispetto a quella che ci auguriamo”.

L’appuntamento con la fiera pasquale di piazza Napoleone, che normalmente si tiene dal sabato antecedente la domenica delle Palme fino al termine della settimana che segue la Pasqua, quest’anno si svolgerà quindi, in via eccezionale, da sabato 27 marzo fino a domenica 25 aprile, dando così la possibilità al mercato di restare attivo per un mese rispetto alle due settimane consuete.

Nel frattempo, questo pomeriggio (23 febbraio), l’amministrazione comunale presenterà alle associazioni di categoria il calendario degli eventi commerciali straordinari per il 2021, che successivamente sarà portato in giunta per essere approvato.

“Abbiamo lavorato secondo alcune precise linee di intervento – spiega a questo proposito Martini – . Abbiamo innanzitutto voluto privilegiare gli appuntamenti proposti dalle realtà commerciali locali, integrandoli con quelli stabili contenuti nel Piano del commercio. Abbiamo voluto inoltre realizzare, per quanto possibile, situazioni sinergiche in cui eventi commerciali ed eventi culturali possano in qualche modo sostenersi a vicenda, aumentando così l’attrattività del sistema cittadino nel suo complesso”.

All’appuntamento di oggi con le categorie del commercio interverrà anche la consigliera comunale con delega alla sanità, Cristina Petretti.

“La presenza della collega Petretti – aggiunge l’assessora – rappresenta uno sforzo ulteriore che come amministrazione abbiamo ritenuto utile fare, mettendo a disposizione anche le nostre competenze allo scopo di aumentare il grado di conoscenza sulle corrette modalità di prevenzione del rischio di contagi. Ci auguriamo infatti di poter andare verso una riapertura di tutte le attività, ma questo, in ogni caso, non ci dovrà indurre ad abbassare la guardia sul fronte del contenimento del virus”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.