Quantcast

Manifatturiamo, mail bombing in parallelo al consiglio comunale: “Siamo la città non invitata”

L'ennesimo atto di protesta del gruppo durante il consiglio fiume su Lucca dopo l'emergenza Covid19

Di chi è Lucca? Il futuro è senza Coima“. E’ questo l’oggetto delle decine di email arrivate alla stampa, ai capogruppo e ai comunali in parallelo al Consiglio fiume su Lucca dopo l’emergenza Covid19 convocato questo pomeriggio (25 febbraio) dalle 14,30 e che vedrà la partecipazione di personalità e rappresentanti della società civile intervenire per oltre cinque ore.

Un ennesimo gesto di protesta, quello della mail bombing, che arriva dal gruppo Manifatturiamo, anche ieri sceso in piazza contro il progetto Coima.

Siamo la città che non è invitata ai consigli comunali – si legge nel testo -. Siamo la città chiamata a ‘partecipare’ per finta senza azzardarsi a criticare. Siamo la città che vuole indietro i propri spazi. Siamo la città che ha un progetto di futuro: pubblico, accessibile a tutti e tutte, ecologico e di giustizia sociale. Non ci faremo derubare ancora con la complicità politica ed economica di Comune e Fondazione Crl.
La manifattura è della città, la città è di chi la vive”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.