Quantcast

Uniti per la Manifattura: “Utilizzare i fondi per la rigenerazione urbana”

Il comitato: "Ora i soldi ci sono, il Comune ha l'obbligo morale di fermare il progetto Coima"

Investire i fondi per la rigenerazione urbana nella Manifattura Tabacchi. E’ quanto invitano a fare i membri del comitato Uniti per la Manifattura. “La gazzetta ufficiale – spiegano infatti – ha pubblicato il dpcm del 21 gennaio 2021. Stanziati 8,5 miliardi da destinare alla rigenerazione urbana; con la manutenzione e il riuso di aree pubbliche e strutture edilizie che abbiano finalità di interesse pubblico, nonché il miglioramento e la qualità del decoro urbano,  del tessuto sociale ed ambientale”.

“Per i Comuni capoluogo di provincia, può essere richiesto un finanziamento pari a 20 milioni di euro, con programmazione dei lavori annuale o triennale – spiegano da Uniti per la Manifattura -. Il ministero sta definendo (entro il 5 aprile) il modello che i comuni dovranno utilizzare per richiedere detto finanziamento pubblico, contributo che dovrà essere richiesto entro il 4 giugno. Ci sembra proprio che, per  il Comune di Lucca, ci rientri tutta la vicenda della ristrutturazione dell’immobile ex Manifattura Sud. E che l’amministrazione comunale non abbia più alcun alibi tipo: ci siamo rivolti a Coima/Fondazione Cr, perche non abbiamo risorse pubbliche”.

“Diventa quindi un obbligo politico,  oltre che morale – sostengono – fermare l’operazione Coima/Fondazione ed intraprendere la nuova strada delle risorse pubbliche definite nel dpmc. E aprire un confronto sulla destinazione con  cittadini e associazioni. Il procedere da parte dell’amministrazione comunale sulla vecchia strada  non potrebbe che assumere il significato di voler favorire interessi di  privati a danno di un bene pubblico e dei cittadini.  Con tutte le conseguenze che una ingiustificata scelta in tal senso comporterebbe”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.