Quantcast

Aperto il Globo a Sant’Anna, soddisfatta anche l’amministrazione comunale: “Rigenerazione urbana e tutela del lavoro”

All'inaugurazione anche alcuni assessori della giunta Tambellini. Mammini: "Un'operazione etica"

Il 17 giugno del 2018 chiudeva il Mercatone Uno a Sant’Anna. L’8 aprile di quest’anno, giovedì scorso, al suo posto ha aperto i battenti Globo.

All’inaugurazione del nuovo punto vendita è intervenuta l’amministrazione comunale, che in questi tre anni si è impegnata, insieme agli altri enti pubblici, ai sindacati e ai privati, per cogliere un doppio obbiettivo: da una parte la rigenerazione di un sito commerciale di notevole importanza, che è inserito in un quartiere già interessato da un intenso lavoro di riqualificazione dei luoghi pubblici attraverso i progetti social; dall’altra parte la ricollocazione degli ex dipendenti del Mercatone Uno, dopo tre anni trascorsi in cassa integrazione.

“Demolizione e ricostruzione secondo i principi di sostenibilità edilizia ed energetica – dichiara l’assessora all’urbanistica Serena Mammini – hanno preso il posto del grande immobile giallo a due piani che per 30 anni ha significato anche una grande opportunità di lavoro. Ecco perché questo passaggio di consegne tra Mercatone Uno e Globo rappresenta non solo un esempio di rigenerazione di una funzione commerciale, ma anche l’esito di un confronto per tutelare il maggior numero possibile di dipendenti. Amministrazione, sindacati e impresa hanno condotto a termine un’operazione, direi, etica, che ha messo al centro la dignità della persona. Anche per questo, dunque, diamo il benvenuto al nuovo punto vendita nella grande area commerciale di Sant’Anna”

“L’apertura di Globo – aggiunge l’assessora alle attività produttive Chiara Martini – significa nuovi impieghi. All’inaugurazione di giovedì ho visto sorridere, con abiti rossi, i lavoratori dell’ex Mercatone. Mi hanno molto colpito le parole dei tecnici che hanno seguito i lavori: è stata un’impresa dura, ma alla fine ci sono riusciti ad aprire, con poco ritardo e in piena pandemia, a dimostrazione che quando c’è collaborazione fra territorio, enti pubblici e privati, anche le imprese più difficili giungono a compimento”.

“Le ho viste arrabbiate all’annuncio della chiusura – afferma il consigliere con delega al lavoro, Roberto Guidotti – le ho viste preoccupate durante le fasi della trattativa, le ho viste tristi, deluse, amareggiate, ma finalmente le ho viste sorridenti e motivate: dopo mesi di incertezza, mi hanno detto “si riparte”. Questo era lo spirito e l’atmosfera che si respirava all’inaugurazione del centro commerciale Globo. Un percorso che arrivava al suo epilogo e alla migliore delle conclusioni possibili, un’iniezione di fiducia e speranza. Un risultato per niente scontato, frutto di un lavoro di squadra, di uno sforzo comune fra pubblico e privato per un obiettivo comune che ha permesso la ristrutturazione e la riqualificazione di una parte importante della città, il mantenimento dei posti di lavoro e il rispetto degli impegni presi”.

“Con Lucca apriamo il nostro 104esimo negozio in Italia – conclude Cristian Narducci, coordinatore nazionale e responsabile new opening Pv Globo – che si unisce ai due punti vendita di Barcellona e Valencia, in Spagna. In un momento di difficoltà nazionale, aver ricollocato 25 lavoratori ex Mercatone ed aver consentito un incremento occupazionale arrivando alle 50 unità, ci riempie di orgoglio. Sentire il calore dei cittadini e la piena e competente collaborazione della giunta comunale ci rende ancor più orgogliosi di essere un’azienda completamente Italiana, che con tenacia porta avanti i valori delle aziende fatte di persone. Un ringraziamento va al sindaco, all’assessorato e a tutti i tecnici che ci hanno supportato nel compimento dell’opera di ricostruzione di questa bellissimo negozio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.