Quantcast

Imu al minimo per chi affitta fondi a canoni più bassi

Via libera della giunta, Lemucchi e Martini: "Un primo segnale in vista delle riaperture degli esercizi"

L’amministrazione comunale di Lucca sta lavorando a ritmi serrati in vista delle riaperture di tutte le attività, previste dall’ultimo Decreto del governo a partire da lunedì (26 aprile). Un primo provvedimento a sostegno dell’economia locale, approvato dalla giunta Tambellini, è stato presentato questa mattina (22 aprile) nell’ambito del tavolo bipartisan sull’emergenza sanitaria, economica e sociale legata alla pandemia.

“Con la delibera approvata stamani – dichiarano l’assessora alle attività produttive Chiara Martini e l’assessore al bilancio Giovanni Lemucchi – abbiamo voluto dare un segnale preciso alla città, riducendo al minimo l’aliquota Imu a quei proprietari che normalmente affittano fondi a canoni più bassi o che hanno diminuito l’affitto in corrispondenza dell’emergenza sanitaria. Quello degli affitti eccessivamente elevati è infatti un problema annoso, ma che con la crisi legata al Coronavirus è diventato urgente. Gli strumenti che come pubblica amministrazione abbiamo a disposizione sono limitati e quello dell’Imu è sicuramente lo strumento principe”.

La delibera di giunta prevede di applicare l’aliquota Imu minima fissata per legge, pari allo 0,76%, al fondo di quei proprietari che normalmente lo affittano a un canone inferiore del 20% rispetto all’importo massimo stabilito dall’Agenzia delle Entrate. Lo stesso sgravio sull’Imu interesserà anche chi ha applicato una riduzione del 20% rispetto all’importo massimo negli anni 2020 e 2021, in corrispondenza della pandemia. La riduzione dell’aliquota Imu sarà applicata, al momento, alle persone fisiche e non alle società e soltanto su un unico fondo per ciascun proprietario, questo perché l’amministrazione intende valutare l’impatto del provvedimento sul Bilancio. I fondi cui sarà applicata la riduzione dell’Imu sono quelli ad uso commerciale, i magazzini, le palestre e gli uffici. Il proprietario che intende avvalersi dello sgravio, entro la data di scadenza del versamento della rata Imu a saldo, a dicembre, dovrà presentare una dichiarazione con le quotazioni previste dall’Agenzia delle Entrate per la zona in cui si trova l’immobile dato in locazione e una copia del contratto d’affitto o dell’accordo di riduzione dell’importo. L’aliquota allo 0,76% verrà applicata ai mesi in cui l’affitto è stato effettivamente ridotto: nel caso di mesi non interi, si applicherà se la riduzione dell’affitto è avvenuta per più di 15 giorni.

Nel corso della riunione del tavolo bipartisan, l’amministrazione ha ripercorso le principali azioni messe in campo per fronteggiare la crisi economico-sociale prodotta dalla pandemia: la sospensione del pagamento del ticket da parte dei bus turistici, prorogata fino al 31 dicembre di quest’anno; la sospensione per il pagamento della tassa di soggiorno, prorogata fino al 30 giugno e quella del canone di occupazione del suolo pubblico, anch’essa prorogata fino al 30 giugno. Sulla Cosap in particolare, come ha spiegato l’assessore Lemucchi, la volontà dell’amministrazione è di andare a un ulteriore allungamento dei tempi della sospensione, compatibilmente con i provvedimenti che il Governo adotterà in questo senso e con la tenuta dei conti del Bilancio comunale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.