Quantcast

Il Consorzio di Bonifica si dota del bilancio ambientale

Ridolfi: "Uno strumento per misurare le ricadute positive sugli ecosistemi delle buone pratiche"

L’impegno del Consorzio 1 Toscana Nord nel campo dell’ambiente e nel contrasto ai cambiamenti climatici si arricchisce di un nuovo strumento: il bilancio ambientale.

Lo annuncia il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi, che proporrà all’assemblea consortile l’approvazione del documento, contestualmente alla discussione per il bilancio consuntivo, in programma nelle prossime settimane.

“Dopo l’attivazione di un sistema di gestione ambientale certificato Iso 14001, la dichiarazione di emergenza climatica che abbiamo approvato – primi fra i Consorzi italiani – e l’introduzione del piano triennale dell’ambiente e le energie rinnovabili, il nostro ente è ora impegnato nella realizzazione di questo importante strumento volontario di rendicontazione e comunicazione – spiega il presidente Ismaele Ridolfi – con il quale intendiamo coinvolgere tutti i portatori di interesse nell’analisi dei risultati ambientali della nostra attività. Uno strumento in più a conferma della scelta strategica che abbiamo compiuto in questo campo che concretamente misura la nostra impronta ambientale, cioè l’incidenza sull’ambiente delle nostre attività istituzionali, ma non solo: misuriamo anche le ricadute positive sugli ecosistemi delle buone pratiche che abbiamo messo in campo quali la piantumazione degli alberi alla manutenzione gentile, la produzione di energie rinnovabili, le macchine elettriche, l’installazione delle luci a led e molto altro.”.

Il bilancio ambientale è infatti un insieme di metodologie volte a rappresentare, tramite appositi indicatori, le complesse interazioni esistenti tra aziende ed enti e l’ecosistema su cui gli stessi impattano, l’evoluzione delle stesse nel corso del tempo, i risultati e i miglioramenti ottenuti.  Le aree di impatto, nelle quali il Consorzio ha diviso la batteria di indicatori che in modo oggettivo misureranno le sue performance ambientali sono appunto la manutenzione dei corsi d’acqua, l’energia, la gestione delle sedi e delle attività degli uffici, gli automezzi e la mobilità, la gestione rifiuti, l’educazione ambientale ed altre attività a favore dell’ambiente, la conformità normativa.

“Il bilancio ambientale verrà pubblicato ogni anno a partire dal 2021, contestualmente all’approvazione del bilancio di esercizio, facendo riferimento ai dati dell’anno precedente – prosegue Ridolfi – e verrà standardizzato come procedura all’interno del sistema di gestione qualità, ambiente e sicurezza. In un mondo minacciato dai cambiamenti climatici e dal degrado dell’ambiente, il Consorzio vuole dare un contributo sempre più fattivo per un nuovo modello di sviluppo sostenibile, che garantisca il benessere delle generazioni attuali, senza compromettere quelle delle generazioni future. Per questo, rendere conto con dati oggettivi e confrontabili delle proprie performance in campo ambientale rappresenta una sfida importante e che accettiamo volentieri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.