Quantcast

Viviani (Salviamo la Manifattura): “La Fondazione Crl? Avrebbe dovuto scartare l’opzione project”

L'ingegnere: "Sarebbe stato meglio l'acquisto e poi la ristrutturazione dell'immobile"

“Dopo oltre un mese dalla solenne bocciatura del project da parte dell’amministrazione comunale è tempo di bilanci. Il progetto preliminare/definitivo ha ricevuto la valutazione negativa dal punto di vista tecnico e necessita certamente del piano attuativo, visto che il parcheggio multipiano interno interferisce pesantemente con il fabbricato dal punto di vista statico, funzionale e di destinazione”.  Lo sottolinea l’ingegner Massimo Viviani per conto del coordinamento Salviamo la Manifattura.

“L’introito medio dei parcheggi d’interesse del project nel triennio (17-19), stando ai dati Metro, è pari a 674.000 euro e qualsiasi proposta non potrà sottrarlo alla città senza che sia considerato un contributo. La gestione delle piazze non potrà fare conto sui proventi dalla tassa dell’occupazione del suolo pubblico che resterà a favore del Comune – osserva l’ingegnere -. Le spese di manutenzione straordinaria, trattandosi principalmente di un parcheggio multipiano, sono certamente elevate e ben superiori a quanto ipotizzato nella proposta respinta. A questo deve aggiungersi la destinazione commerciale della Manifattura per 4000 metri quadri, confermata dalla Fondazione che, al netto della supercazzola esperienziale, non sembra incontrare un consenso ragionevole. Su queste basi, ricavabili dalla delibera di giunta del 25 marzo finalmente allineata con quanto più volte e in più occasioni larghe parti di cittadinanza dalla scorsa estate hanno evidenziato e dimostrato all’amministrazione, qualsiasi proposta non potrà trovare un equilibrio economico ragionevole e legale”.

Viviani si pone degli interrogativi. “Ma quanto è costata questa giostra? Difficile fare un conteggio preciso: certamente i costi dei consulenti esterni per la redazione dell’allegato alla delibera che, viste le determine d’impegno di spesa, superano certamente i 100.000 euro  – sottolinea -. A questo deve aggiungersi il costo del personale interno che dal febbraio dell’anno scorso, come ha raccontato il Sindaco, ha lavorato intensamente alla valutazione delle varie proposte via via presentate da Coima, quindi sottraendo risorse ad altre funzioni; volendo fare una valutazione numerica non è difficile dimostrare almeno altri 60.000 euro euro. Tutto qui? Apparentemente, perché si dovrebbe aggiungere anche quanto la Fondazione ha pagato e pagherà a Coima per la gestione del fondo immobiliare chiuso che dovrebbe prendersi la Manifattura. Dalla relazione al bilancio 2019 e da interviste al presidente ragionier Bertocchini, il costo è di 330.000 euro all’anno e quindi (per il triennio ‘19-‘21) di 990.000 euro”. Conclude l’ingegnere:  “A questo devono aggiungersi le spese per la redazione delle varie proposte che, visti i nomi in campo certamente non spiccioli e sempre a carico della Fondazione. In definitiva non è difficile riconoscere che questa giostra sia costata, ad oggi, circa 1.500.000 euro: ne valeva la pena? Forse era meglio se la Fondazione avesse seguito quanto stabilito dal consiglio d’amministrazione del 29 aprile 2019 con l’acquisto e la ristrutturazione della Manifattura senza ascoltare le sirene speculative del project con la sottrazione dei parcheggi alla Città e magari promuovendo la partecipazione che da più parti viene invocata. Questa sarebbe stata la Fondazione che i più ricordano”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.