Quantcast

Via la selezione al progetto di orientamento al lavoro e inclusione per persone disabili e soggetti vulnerabili foto

Il termine per presentare la domanda è lunedì (17 maggio). Si prevede una fase di formazione individuale ed un periodo di tirocinio riconosciuto dalla Regione Toscana

Un percorso di formazione al lavoro e inclusione per persone disabili e soggetti vulnerabili. E’ questo l’obiettivo del progetto SecOnda voluto dal Comune di Lucca che, oltre ad offrire un orientamento lavorativo, organizza anche tirocini realizzati in collaborazione con Azienda Asl Toscana nord ovest, Regione Toscana – Centro per l’impiego, Fondazione per la Coesione sociale.

“La seconda edizione del progetto Onda – spiega l’assessore al sociale del Comune di Lucca, Valeria Giglioli – è un’azione della conferenza zonale della piana di Lucca a cui ha preso parte anche il Comune di Pescaglia con l’intento di offrire aiuto a chi ne ha più bisogno e combattere le disuguaglianze sociali. C’è posto per 92 persone e si rivolge nello specifico alle persone in condizione di disabilità e iscritte negli elenchi previsti dalla legge 68/1999, non occupate, in carico ai servizi socio-sanitari e a persone certificate per bisogni inerenti la salute mentale in base alle normative vigenti, non occupate del territorio del Comune di Lucca e della Piana (comuni di Capannori, Altopascio, Montecarlo, Porcari e Villa Basilica). Per i 74 candidati selezionati dalla prima fase, prima dello stage, sarà predisposta una progettazione personalizzata del percorso socio-lavorativo e inclusa una specifica formazione. Durante lo stage, saranno previsti l’affiancamento di un tutor ed un’indennità di partecipazione fino ad un importo massimo mensile di 500 euro”.

A presentare l’iniziativa anche Simona Biagi: “La scadenza per presentare la domanda è lunedì (17 maggio) e qualora non venisse raggiunto il traguardo delle 92 persone, posticiperemo i termini. Sono esclusi dal bando coloro i cui familiari percepiscono il reddito di cittadinanza”.

Nel 2021 in Italia i disabili sono ancora i grandi esclusi dal mercato del lavoro, solo il 35 per cento degli abili al lavoro risulta occupato. E le donne sono le più svantaggiate (Enrico Seta, presidente dell’Agenzia nazionale disabilità e lavoro – Andel): “In un momento come questo – interviene il vicesindaco del Comune di Capannori, Matteo Francesconi – abbiamo la responsabilità di tendere una mano a chi ne ha più bisogno e a chi ha sofferto ancora di più questa situazione di difficoltà economica e sociale per far sentire il nostro sostegno e proprio per questo siamo fieri, con il Comune di Capannori, di far parte di questo progetto”.

Intento condiviso anche dalle assessore dei Comuni di Pescaglia e Altopascio, Beatrice Gambini e Ilaria Sorini: “SecOnda presta attenzione alle difficoltà e include nel mondo del lavoro anche le persone più vulnerabili o con disabilità”.

“Un’occasione per dare un contributo ad una causa Comune – conclude Maria Luisa Giannini dell’associazione Percorso, partner del progetto -, che permette di aiutare molte famiglie. Ad ore di orientamento e valutazione individuale al lavoro, si affiancheranno 60 ore di laboratori più il tirocinio, che avrà durata variabile fino a 8 mesi. E’ l’inizio di un percorso che speriamo possa concretizzarsi in altri progetti futuri di inclusione”.

Il bando è disponibile sul sito del Comune di Lucca.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.