Quantcast

San Vito, i ragazzi e le ragazze del quartiere realizzano un murale nell’area dello skatepark

E' l'opera finale di un corso di graffiti che per settimane ha visto partecipare 15 giovani col coordinamento di Aics Lucca e del collettivo Let colors rules as

Un murale realizzato dai ragazzi e dalle ragazze nell’area dello skatepark di San Vito. E’ questa la colorata iniziativa che i giovani del quartiere hanno portato a termine all’esterno della scuola Chelini. L’opera andrà arricchire uno spazio molto frequentato dai giovani sportivi e dalle loro famiglie, lasciando loro un promemoria per l’ambiente col messaggio “Non inquinate”, voluto a grande richiesta dagli stessi giovani aspiranti street artist.

Il murale rientra nel progetto San Vito Coart, Collaboratorio per le arti urbane ed è il risultato di un corso di graffiti che, per settimane, ha visto protagonisti 15 ragazze e ragazzi, col coordinamento di Aics Lucca e del collettivo Let colors rules formato da Freddy Pills e da Mariano Fazzi. Inoltre, da pochi giorni sempre nello spazio dei campi sono a disposizione i nuovi cestini, realizzati dai giovani impegnati nelle officine formative di Oikos e colorati dagli operatori di Terra di tutti.

“Il protagonismo dei nostri giovani colora i nostri quartieri – sottolinea Daniele Bianucci, consigliere comunale delegato alle politiche giovanili, che ha incontrato le ragazze e i ragazzi coinvolti nel progetto –. Purtroppo sono proprio anche loro, le nuove generazioni, a pagare il prezzo più grande della pandemia, con una socialità che da più di un anno è ridotta ai minimi termini. Vogliamo ringraziare sia la scuola Chelini e il dirigente Testa, sia gli artisti coinvolti nella realizzazione del murale, sia gli operatori di Oikos che hanno costruito e regalato i nuovi e bellissimi cestini: crediamo che l’espressione artistica sia il modo migliore per ripartire, naturalmente in sicurezza, e per rendere la nostra Città sempre più a misura di giovani”.

Il murale è stato promosso dalla scuola Chelini con la collaborazione del Comune di Lucca, di Lucca Creative Hub, dei soggetti impegnati in ambito artigianale e artistico UbiDanza e Terra di tutti, dei componenti del Tavolo Asola e Bottone, di Oikos aps e di Aics con il supporto di alcuni gruppi di writers e skaters ed il cofinanziamento di Odissea Cooperativa sociale e dell’Arcidiocesi di Lucca, ufficio pastorale Caritas.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.