Quantcast

Torna al lavoro dopo 9 anni dalla pensione per l’emergenza Covid, sindaco le consegna la medaglia della città

Riconoscimento a Palazzo Orsetti a Maria Rosa Paolini, medico anestesista rianimatore

Il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini ha consegnato questa mattina (9 giugno) la medaglia della città di Lucca alla dottoressa Maria Rosa Paolini, medico anestesista rianimatore in pensione, rientrata in servizio nella fase più acuta della pandemia da Covid19 per fare fronte all’enorme mole di lavoro causata dai ricoveri nell’ospedale San Luca.

“Con questo riconoscimento abbiamo voluto rilevare un segno di vicinanza agli altri avvenuto con grande riservatezza, un esempio di abnegazione e di attaccamento al lavoro che si è tradotto nel beneficio per tutta una comunità – ha dichiarato il sindaco Tambellini – Attraverso l’esempio della dottoressa Paolini estendiamo il nostro ringraziamento a tutto il personale sanitario del territorio lucchese che ha sostenuto in questo anno e mezzo uno sforzo straordinario”. Hanno preso parte alla semplice cerimonia anche la consigliera comunale con delega alla sanità Cristina Petretti e l’assessore alla protezione civile Francesco Raspini.

Non ho fatto nulla di straordinario – ha dichiarato la dottoressa Paolini – ho fatto quello che so fare in un momento di emergenza dove ho sentito la responsabilità di tornare al lavoro per partecipare a uno sforzo comune teso a dare soccorso ai tanti cittadini colpiti in modo grave da questa grave patologia e aiutare i miei colleghi impegnati sul campo”.

La dottoressa Paolini, dopo essere stata medico responsabile della terapia intensiva, nel 2011 era andata in pensione. Nove anni dopo, a marzo-aprile 2020, quindi nel periodo più critico dell’emergenza Covid, è rientrata in servizio rimanendovi fino al maggio scorso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.