Quantcast

Luccascolta, bilancio ok per il servizio per le famiglie in difficoltà

Vietina: "Una sperimentazione nata per sostenere i nuclei nelle difficoltà della didattica a distanza"

Bilancio positivo per il progetto Luccascolta. Nato durante il primo lockdown, è stato promosso dall’amministrazione comunale nell’ambito delle politiche educative per offrire un supporto alle famiglie in difficoltà con l’attivazione della didattica a distanza per i figli che frequentano le scuole del territorio.

Coordinato dall’associazione La Città delle donne, Luccascolta ha messo in rete tante persone -prevalentemente donne- che hanno offerto le loro competenze e la loro disponibilità in modo volontario e gratuito garantendo un servizio di informazioni e supporto quotidiano nella prima fase e due giorni per settimana nella seconda. L’attività è stata resa possibile grazie anche alla collaborazione con la Protezione civile del Comune di Lucca.

Con l’arrivo dell’estate e delle vacanze scolastiche, considerando il clima maggiormente sereno rispetto ai mesi trascorsi, il gruppo che ha supportato l’attività in questi lunghi mesi ha concordato con l’assessora Vietina e con La Città delle donne di sospendere l’attività, rinviando a settembre la valutazione di una ripresa in base ad eventuali nuovi bisogni.

“Vorrei ringraziare tutte le volontarie che sono state l’anima e la forza di questa sperimentazione – dichiara l’assessora alle politiche educative Ilaria Vietina – , nata proprio su sollecitazione di molte donne che hanno raccolto in questi mesi le richieste di bisogni complessi legati specificamente alle difficoltà della didattica a distanza, ma hanno saputo anche orientare le persone verso altri servizi più rispondenti ai loro bisogni, realizzando una vera e propria mappatura delle risorse disponibili sul territorio”.

Le volontarie del progetto Luccascolta restano comunque a disposizione anche nel periodo estivo, per rispondere a specifiche richieste che provengano da parte delle famiglie. Per chi avesse dunque bisogno di informazioni o di un supporto, è possibile scrivere una email a cittadelledonne.lucca@gmail.com, indicando nome e cognome, numero di telefono e motivo della richiesta: in questo modo si verrà ricontattati in tempi brevi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.