Quantcast

S. Anna, restaurato e ripulito l’antico lavotoio foto

Intervento completato in via per Corte Pistelloni

Sopralluogo questa mattina (17 giugno) dell’assessore ai lavori pubblici Francesco Raspini all’antico lavatoio di via per Corte Pistelloni, incluso nel perimetro del parco di via De Gasperi a Sant’Anna.

Il lavatoio è stato ripulito dalla vegetazione infestante che lo aveva invaso ed è stato restaurato dalla squadra per le piccole manutenzioni del Progetto Ventaglio. Assieme all’assessore, il consigliere comunale di zona Gabriele Olivati, i tecnici comunali, gli operai del progetto Ventaglio e un gruppo di cittadini della zona fra cui la signora Lucia Rosa Pardini che da bambina accompagnava la madre a fare il bucato al lavatoio e che aveva richiesto il recupero dello storico luogo identitario per la memoria di tutto il quartiere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Contrada S.Concordio
    Scritto da Contrada S.Concordio

    Due pesi e due misure: a S.Anna il Comune restaura il lavatoio, “elemento identitario”, a S.Concordio il Comune con i Quartieri Social per fare la pista ciclabile smantella le pietre e il macigno della fontana di via Nottolini, identica alle altre 10 che portano l’acqua del Nottolini nel centro storico, e la sostituisce con un avulso fontanello. E cancella un laghetto e una zona umida, e costruisce gallerie coperte nelle zone protette e megatettoie in mezzo a edifici vincolati. Non erano anche quelli “elementi identitari” per il quartiere? E oltre il danno la beffa, con Lemucchi che ieri in Commissione urbanistica si stupisce che a S.Anna e S.Vito i cittadini siano contenti, e a S.Concordio invece non lo siano affatto, e ridicolizza e scredita i comitati di S.Concordio perchè hanno osato criticare il suo operato.