Quantcast

Dichiarato fallito il socio privato di Sistema Ambiente: le quote saranno vendute in un’asta pubblica

La decisione a 4 anni dal concordato preventivo e dopo 11 udienze rinviate. Il Comune di Lucca tramite la sua holding può far valere la clausola di gradimento

Si accinge a cambiare il socio privato di Sistema Ambiente, la partecipata del Comune di Lucca. Il tribunale di Roma, infatti, a marzo scorso ha dichiarato, dopo 4 anni dal concordato preventivo e dopo che l’udienza è stata rinviata per ben undici volte, il fallimento della società Daneco Impianti.

A segnalarlo, nell’ultima commissione partecipate, è stato il presidente di Sistema Ambiente, Matteo Romani: “Pochi giorni fa – ha detto – ci è arrivata la comunicazione dei curatori. Adesso avremo come socio a rappresentare la società i curatori fallimentari, che sono tre: due avvocatesse e un commercialista di Roma. Saranno loro, come da procedura, a mettere in vendita la partecipazione con un’asta pubblica indetta dal tribunale. Si tratta del 36,56 per cento della società da periziare e poi da vendere con procedura competitiva”.

Ma Lucca Holding, quindi il Comune di Lucca, avrà in questo passaggio l’ultima parola: “Per statuto di Sistema Ambiente – ricorda Romani – c’è non solo il diritto di prelazione ma anche la clausola di gradimento da parte del Comune. Il socio che subentra, insomma, deve avere avere il benestare del Comune di Lucca. La ratio è di evitare di trovarsi nella compagine un socio non gradito”. Ancora non pronosticabili, però, i tempi della procedura di alienazione delle quote e dell’asta pubblica.

In commissione si è votato per la prelazione dell’acquisto delle quote alienate dal Comune di Bagni di Lucca: 29730 euro l’importo dell’operazione per l’acquisto di 1875 azioni che faranno passare le quote di partecipazione di Lucca Holding in Sistema Ambiente al 62,98 per cento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.