Quantcast

Incendi boschivi, online l’incontro sul rischio: in calo negli ultimi 10 anni

Lo studio sarà inserito nel Piano di protezione civile

Come proteggere la propria abitazione dal rischio di incendi, quali accorgimenti utilizzare per le superfici della casa a contatto con l’esterno e per gli spazi all’aperto di pertinenza e quali comportamenti tenere durante un incendio. Sono solo alcuni dei temi che saranno affrontati durante l’incontro pubblico in diretta Facebook sul sito del Comune in programma mercoledì (23 giugno) alle 17,30.

Nel corso dell’evento sarà infatti presentato lo studio sul rischio incendi boschivi e nelle aree di interfaccia che farà parte integrante dell’aggiornamento del Piano di protezione civile, a cui l’amministrazione sta lavorando.

“Il rischio incendi – spiega l’assessore alla protezione civile Francesco Raspini – non era completo nel Piano di protezione civile che abbiamo ereditato. In questa revisione lo abbiamo voluto inserire nella sua interezza perché se è vero che negli ultimi dieci anni sono diminuiti sul nostro territorio sia il numero di incendi che gli ettari bruciati, e questo sicuramente grazie anche al lavoro svolto dai volontari e a una maggiore attenzione da parte dei cittadini, è altrettanto vero che il susseguirsi di periodi di siccità, associati all’aumento della biomassa nei boschi non gestiti, incrementa notevolmente il rischio di grandi incendi, la cui gestione risulta estremamente difficoltosa. Lo studio commissionato a Dream Italia servirà dunque come base su cui costruire tutte le procedure necessarie alla prevenzione e alla gestione degli incendi sul territorio”.

Sulla base della ricostruzione dello storico degli incendi boschivi del territorio comunale, risultano diminuire gli incendi e la superficie attaccata dalle fiamme negli ultimi dieci anni, mentre nel periodo complessivo analizzato (dal 1984 al 2019) i piccoli incendi (sotto i 5 ettari) rappresentano il 92% del totale, con consumo del 31% del suolo e i grandi incendi (sopra i 5 ettari) sono stati l’8% degli incendi totali, ma hanno attaccato ben il 69% del suolo. Discende da qui, come sottolinea lo studio della società  Dream di Arezzo, la necessità di intervenire sulla prevenzione degli incendi più grandi, creando zone di discontinuità della vegetazione e migliorando l’accessibilità del bosco.

L’incontro di mercoledì si aprirà con una breve presentazione del responsabile della protezione civile comunale Andrea Sodi. L’assessore Francesco Raspini introdurrà l’argomento in relazione al Piano di protezione civile. Luca Tonarelli, direttore tecnico di Dream Italia, approfondirà le tematiche oggetto di studio: gli incendi boschivi e delle aree di interfaccia, l’individuazione delle aree a rischio, la situazione nel comune di Lucca, l’informazione alla popolazione e le buone pratiche. Durante la diretta facebook i cittadini potranno intervenire ponendo le loro domande.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.