Quantcast

Nuova garante dell’infanzia e dell’adolescenza, polemica in Consiglio: “Non è super partes”

L'attacco di Fdi dopo la presentazione: "Elena Baroni faccia un passo indietro"

Si è riunito questa sera (22 giugno), a distanza, il consiglio comunale di Lucca. La seduta si è aperta con una breve presentazione da parte della garante delle persone con disabilità, Marcella Matelli, e della garante dell’infanzia e dell’adolescenza, Elena Baroni, accolte dal consiglio comunale e dal sindaco Alessandro Tambellini.

Marcella Matelli, ecco chi è la nuova garante per i diritti delle persone con disabilità

Si presenta in commissione la nuova garante dell’infanzia e adolescenza Elena Baroni

Due presentazioni in cui non sono mancate le polemiche, con la consigliera Simona Testaferrata (Fdi) che attacca Elena Baroni per non essere super partes (citando il sostegno alla candidatura a Raspini sindaco) e “auspicando un suo passo indietro per eleggere un garante fuori dagli schieramenti politici”. Il consigliere M5s Massimiliano Bindocci ribadisce che “bisogna essere terzi, un garante non deve essere di parte. Bisogna avere la sensibilità di tenersi fuori dalla mischia e dalla campagna elettorale”. Critico anche il consigliere Fabio Barsanti: “Non posso non condividere la puntualizzazione della consigliera Testaferrata e di Fdi. Anche il sindaco ha ribadito l’importanza della terzietà, è inopportuna la scelta della professoressa Baroni. Per il resto faccio un in bocca al lupo di buon lavoro auspicando che si lavori per il bene di tutta la comunità, non solo di una parte”. Così il capogruppo di SìAmo Lucca Remo Santini: “Sapevamo dell’appartenenza politica delle due garanti, ma abbiamo guadato alle competenze. Però devio dire che c’è stata una diversità di approccio a questo ruolo da parte delle due persone che si sono presentate stasera: quello della dottoressa Baroni è stato uno scivolone, firmando l’appello alla candidatura di Raspini sindaco la sua figura ha perso autorevolezza. Adesso lavoriamo e mettiamo da parte la parte politica”.

La maggioranza interviene in difesa della garante dell’infanzia e dell’adolescenza, dichiarando che quelle presentate stasera “sono due figure con grandi competenze per fare in modo che la comunità abbia dei punti di riferimento. È inopportuno un attacco personale. Lasciamo da parte le polemiche strumentali e pensiamo a lavorare insieme per i cittadini”.

La discussione è poi passata al terzo punto all’ordine del giorno, “esercizio del diritto di prelazione per l’acquisto delle azioni di Sistema Ambiente s.p.a. poste in vendita dal comune di Bagni di Lucca”: 29mila 730 euro l’importo dell’operazione per l’acquisto di 1875 azioni che faranno passare le quote di partecipazione di Lucca Holding in Sistema Ambiente al 62,98%.

La pratica è stata approvata con 20 voti favorevoli e 6 astenuti.

In Consiglio anche il “bilancio di previsione 2021-2023 – variazione alle previsioni di competenza e di cassa”. La pratica, così come fatto in commissione, è stata presentata dalla’assessore Lemucchi.

Il Comune partecipa ai bandi per le opere pubbliche: le previsioni di spesa inserite nel bilancio triennale

Anche questa pratica è stata approvata con 19 voti favorevoli e 8 astenuti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.