Italia Viva: “Un concorso internazionale di idee per il restauro dell’acquedotto del Nottolini”

L'idea in occasione della ricorrenza dei 170 anni dalla morte del grande ingegnere-artista

“L’avvio dei lavori di restauro del Tempietto di San Concordio e delle prime cinque arcate dell’acquedotto del Nottolini è sicuramente una buona notizia. Tuttavia, il più resta da fare. È chiaro infatti che l’acquedotto monumentale necessita di un intervento di restauro conservativo e di consolidamento complessivo”. Sul tema interviene Italia Viva Lucca. 

!”La proposta di candidare l’opera a Luogo del cuore 2022 è valida e va sostenuta – dice la nota – Per il ritorno di immagine che comunque ne avremmo, o, in caso di vittoria, per i fondi che tramite il Fai potrebbero essere reperiti per il restauro, ma da sola non basta. Italia Viva Lucca propone pertanto di valutare l’ipotesi di restituire integrità all’acquedotto e quindi di sanare, nell’unico modo in cui ciò è possibile, cioè nella sua sommità, la ferita infertagli a suo tempo dal passaggio dell’autostrada Firenze-Mare e di indire allo scopo un concorso di idee in modo da portare il monumento all’attenzione internazionale”.

“Ma il nodo più importante da sciogliere è che cosa vogliamo fare di questa architettura: vogliamo che l’ex acquedotto resti, seppur consolidato e restaurato, una presenza residuale o vogliamo riportarlo a una nuova, vitale, funzione? – si chiede il partito lucchese – A nostro avviso la strada da percorrere è senza dubbio la seconda, l’unica, del resto, in grado di attrarre investimenti. Occorre mettere a punto un progetto di valorizzazione che punti ad esaltare il potere di evocazione insito in questa architettura: evocazione di un passato significativo; evocazione del rapporto del nostro territorio con l’acqua; evocazione del legame inscindibile che esiste tra il nostro centro cittadino e le colline circostanti. L’acquedotto monumentale deve, cioè, diventare, in primo luogo, parte fondante e integrante di un percorso che colleghi e valorizzi i segni che il genio del Nottolini ha lasciato nella nostra città e nel territorio circostante“.

“La ricorrenza dei 170 anni dalla morte del grande ingegnere-artista (12 settembre 2021) – dice la nota – può essere l’occasione per creare un tale percorso, se il comitato per le celebrazioni costituito per l’occasione manterrà fede a quanto promesso. In secondo luogo, l’acquedotto monumentale deve diventare parte fondante e integrante di un percorso in grado di testimoniare e riportare alla luce il profondo e molteplice legame con l’acqua che caratterizza il nostro territorio, percorso che deve prevedere anche un museo dell’acqua, con annessa funzione didattica, da realizzare, ad esempio, nella Casa del fontaniere. Infine, questa imponente architettura deve diventare la direttrice lungo la quale sviluppare un percorso ciclo-pedonale riqualificato che dalla città conduca al luogo incantato delle Parole d’Oro, concepito come una elongazione della passeggiata sulle Mura urbane, che consenta di vivere il legame inscindibile che il centro cittadino intrattiene con la campagna e le colline circostanti e, quindi, di fare esperienza del nostro territorio nella sua unitarietà”.

“A tale scopo riteniamo opportuno – conclude la nota – che le amministrazioni territorialmente interessate raggiungano un protocollo d’intesa che innanzitutto riconosca sotto un’unica denominazione l’infrastruttura e il suo contesto, oggi Parco agricolo monumentale del Nottolini per il Comune di Lucca, Acquedotto monumentale di Guamo per il Comune di Capannori, Acquedotto del Nottolini per la Provincia di Lucca, con l’obiettivo di costituire, intorno all’ex acquedotto, riconosciuto dal piano strutturale come invariante strutturale della città moderna, una zona di parco agricolo dalle sorgenti collinari dei Monti Pisani al Tempietto di San Concordio più ampia ed omogenea rispetto all’attuale. La valorizzazione dell’acquedotto monumentale può così diventare anche occasione per un riordino urbanistico del contesto in cui l’opera insiste”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.