Quantcast

Lucca si aggiudica 30 milioni per rigenerare la zona sud-est e Ponte a Moriano

Finanziati dal ministero entrambi i progetti per la qualità dell'abitare presentati dall'amministrazione Tambellini

Lucca si aggiudica 30 milioni di euro per la rigenerazione della zona sud-est e della zona nord del territorio comunale. Sono stati finanziati infatti i progetti presentati dal Comune al Pinqua, il programma innovativo per la qualità dell’abitare proposto dal ministero per le infrastrutture e la mobilità sostenibili.

Al ministero sono arrivate oltre 290 proposte da tutte Italia: di queste, ne sono state finanziate 271 per un totale complessivo di oltre 3 miliardi di euro, compresa quella lucchese. In particolare l’amministrazione Tambellini è riuscita a ottenere le risorse necessarie che, nel prossimo futuro, cambieranno volto a Ponte a Moriano e alla cintura sud-est della città, quella che corre lungo la Circonvallazione e che dall’ex Oleificio Borella (zona Macelli) arriva fino all’area ex Gesam nel quartiere di San Concordio, passando per l’area di Pulia (mercato ortofrutticolo), scalo merci ferroviario.

Ponte a Moriano, 14 milioni per la riqualificazione del paese da Saltocchio alla Vecchia Guardia

Le linee guida del Pinqua sono la riqualificazione dei centri urbani, la riduzione del disagio abitativo e l’incremento dell’inclusione sociale: obiettivi che sono stati perfettamente centrati dalle proposte presentate dall’amministrazione comunale, seguite in particolare dalle assessore Serena Mammini (urbanistica) e Valeria Giglioli (sociale).

Qualità dell’abitare, cambia volto un’intera area di città: ecco i progetti nel dettaglio fra i Macelli e San Concordio

Commenta il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini: “Abbiamo avviato un nuovo modo di lavorare, un modo che ci sta permettendo di ottenere finanziamenti fondamentali per cambiare volto e far rinascere intere porzioni di territorio. Con un unico, grande e ambizioso obiettivo: restituire alla comunità luoghi dove sia bello vivere. Lo abbiamo fatto con i Quartieri Social, lo stiamo facendo ora con i progetti del Pinqua. Si tratta di proposte sensate, adeguate alla nostra realtà, sociale, economica e architettonica. Proposte, ancora, davvero fattibili e che non rientrano più nel libro dei sogni ma in quello delle future e reali possibilità. Con le proposte del Pinqua, che cambieranno la vita a tanti nostri concittadini, abbiamo intercettato risorse indispensabili per favorire una nuova e più equa crescita di tutto il territorio comunale: spazi belli, funzionali, connessi, capaci di attrarre persone, iniziative, aziende. Luoghi da vivere e da condividere”.

Queste le parole dell’assessora all’urbanistica, Serena Mammini: “La bella notizia del finanziamento dei progetti Pinqua arriva oggi a dare concretezza alla nuova idea di governo del territorio impressa nelle pagine del piano strutturale. Trova risposta, con atti che presto saranno segni tangibili per la ‘virgola’ a sud-est del centro e per il paese di Ponte a Moriano, il bisogno di città pubblica dal quale è partita la nostra riflessione per un disegno urbanistico a misura di persona. Abbiamo immaginato luoghi più connessi, più permeabili e vivibili; spazi per la relazione capaci di esprimere qualità e bellezza. Abbiamo creduto nei quartieri e nei paesi, nella loro identità e dignità. La pianificazione, che è prima di tutto un atto di cultura, è il presupposto per coltivare questa visione d’insieme, da animare, casella dopo casella, con progetti di dettaglio. È a piccoli ma risoluti passi che daremo forma a una città più giusta per tutti. Questo è il nostro modo di lavorare, responsabile e costante. Ringrazio la collega Valeria Giglioli per aver condiviso con tenacia questo percorso, l’assessore ai lavori pubblici Francesco Raspini e tutte le professionalità tecniche che hanno lavorato al raggiungimento dell’obiettivo”.

Aggiunge l’assessora al sociale, Valeria Giglioli: “Ce l’abbiamo fatta. I progetti che abbiamo presentato per il programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare sono stati ammessi a finanziamento: un risultato che premia un lavoro di mesi, in cui tutta l’amministrazione ha creduto profondamente e a cui gli uffici e i tecnici comunali, insieme a Erp, hanno dato il contributo delle proprie competenze. Ora abbiamo otto mesi di fronte in cui bisogna lavorare sodo per avere i progetti pronti, con tutti gli atti amministrativi che servono, entro la scadenza indicata dal bando e completare così l’iter previsto: ci sarà da progettare appunto, da confrontarsi, da raccontare e ascoltare senza perdere un colpo. Parliamo di oltre 30 milioni di investimenti per Lucca: per far maturare frutti buoni per la città; case per chi ne ha bisogno, spazi e verde aperti alla comunità, interventi innovativi di housing, aree per i giovani e tanta vitalità per le zone che verranno coinvolte, dall’ex oleificio Borella al chiesone di San Concordio fino a Ponte a Moriano e alla Vecchia Guardia sul fiume.
Sarà bello e importante. Per Lucca, per la comunità e per il futuro. Partiamo subito”.

Esulta l’assessore ai lavori pubblici, Francesco Raspini: “30 milioni di euro per Lucca! Abbiamo vinto i progetti Pinqua, cioè quelli del programma innovativo per la qualità dell’abitare proposto dal ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili. Nei prossimi giorni presenteremo i progetti nel dettaglio, intanto vi anticipo che grazie a queste risorse cambieremo volto a Ponte a Moriano e alla cintura sud-est della città, dall’ex Oleificio Borella fino all’area ex Gesam nel quartiere di San Concordio, passando per l’area di Pulia e scalo merci ferroviario. È un nuovo modo di lavorare, portato avanti con il sindaco Alessandro Tambellini, con gli uffici e con tutta la squadra, a partire, in questo caso, dalle assessore Valeria Giglioli e Serena Mammini, grazie al quale ristrutturiamo l’esistente, proponiamo nuove idee e nuove visioni, mettiamo al centro la persona in ogni sua sfaccettatura, con progetti credibili e concreti fatti e pensati per migliorare la qualità della vita dei cittadini. Di oggi e di domani. Lucca guarda al futuro”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.