Quantcast

Santini: “Ben venga Tagetik ma la manifattura deve rimanere pubblica”

Il leader di SiAmo Lucca: "Necessario il pieno rispetto della legalità senza forzature"

“Nessuno mette in dubbio l’importanza  dell’arrivo di Tagetik nella Manifattura, anzi.  Ma a tre condizioni, che poi sono quelle scaturite dal dibattito sul project financing Coima/Fondazione fortunatamente respinto: la prima è il pieno rispetto della legalità, senza forzature. La seconda, un processo partecipativo che porti a progetti condivisi, poiché le destinazioni della Manifattura non possono essere decise da pochi e tenute riservate. Terza condizione,  la proprietà dell’intero complesso immobiliare deve restare pubblica”.

Attacca così la nuova riflessione sul futuro del complesso di Remo Santini, ex candidato sindaco del centrodestra e attuale capogruppo di opposizione con la lista civica SìAmoLucca: “Per nascondere il maldestro fallimento di un piano che avrebbe portato a dissanguare le casse del Comune attraverso la cessione dell’incasso dei parcheggi e a  trasformare il complesso in un centro commerciale collegato alle Mura attraverso una passerella, con in più una serie di appartamenti, ecco che l’assessore Raspini, designato da Tambellini alla sua successione, non trova di meglio che nascondere i nuovi propositi dell’amministrazione sbandierando i rischi per l’addio di Tagetik,  che è presente su Lucca dal 1986 e mai ha dichiarato di volerla abbandonare. Tagetik viene dunque strumentalizzata per proporre nuovamente un’iniziativa indegna dell’amministrazione, ovvero far acquistare la Manifattura alla Fondazione (direttamente o tramite il fondo Coima) peraltro ad un prezzo sottostimato. Giova ricordare che ormai sappiamo bene come ci siano altre realtà imprenditoriali interessate all’operazione, e altre potrebbero aggiungersi, a cui non vendere ma dare in concessione l’edificio per alcune decine di anni: in modo da consentire al privato di ricavarne una redditività”.

Secondo Santini l’amministrazione “deve infatti privilegiare gli interessi della città e dei suoi cittadini, valutare tutte le alternative in campo senza escludere nessuno, e non schiacciarsi solo un interlocutore pur meritorio come la Fondazione, per quanto fatto su altre opere e per la valorizzazione di Lucca, ma che questa volta con Coima aveva presentato per ben tre volte un project inadeguato e da danno erariale“. “Legalità, condivisione partecipata e proprietà pubblica rappresentano i presupposti su cui incardinare l’operazione Manifattura sud – aggiunge l’ex candidato sindaco del centrodestra -. Fa un certo effetto vedere che questa amministrazione di centrosinistra, dopo aver perso i fondi Piuss dall’Europa per 40 milioni di euro e dopo aver buttato al vento due mandati in cui si è concluso poco o nulla, a pochi mesi dall’inizio della campagna elettorale vuole chiudere l’operazione Manifattura passando sulla testa di tutti e senza dialogo. E’ il momento di dire basta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.