Quantcast

Lavori pubblici, i finanziamenti per i progetti Pinqua nel piano triennale

Si utilizzano 800mila euro di avanza per le manutenzioni delle infrastrutture

Seconda variazione del piano delle opere pubbliche in riferimento al triennio 2021-2022, necessaria a seguito dell’approvazione da parte del Ministero delle infrastrutture, della graduatoria per i progetti contenuti nel nuovo programma nazionale per la qualità dell’abitare, denominato PinQua.

I due progetti presentati dall’amministrazione comunale sono stati approvati e verranno finanziati e riguarderanno la riqualificazione di aree inserite nella zona sud est rispetto al centro storico e nella zona di Ponte a Moriano. In totale, i finanziamenti previsti nel piano triennale delle opere pubbliche, ammontano a 30 milioni di euro per l’anno 2021, quasi 50 milioni per l’anno 2022 e 48 milioni per l’anno 2021.

Il tema della variazione al piano è al centro della seduta della Commissione congiunta politiche di bilancio e lavori pubblici di oggi (28 luglio) a cui partecipano l’assessore Giovanni Lemucchi e l’assessora Valeria Giglioli, in sostituzione dell’assessore Francesco Raspini, presente anche la dirigente dell’ufficio edilizia pubblica dottoressa Antonella Giannini.
“Oggi sono con voi nella funzione lavori pubblici, in sostituzione dell’assessore Raspini, per la seconda variazione al piano triennali lavori pubblici – dice l’assessora con delega alle politiche sociali, Valeria Giglioli -. La mia presenza è necessaria perché il 90 per cento di questa variazione riguarda l’introduzione del programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare. Questa seconda variazione segna una nuova prospettiva per l’evoluzione della città, una città che guarda con attenzione alla situazione che la nostra comunità dovrà affrontare quando usciremo dalla pandemia, tenendo presente che ci troveremo in una situazione critica a livello sociale. Dovremmo essere pronti a rispondere alle esigenze dei cittadini utilizzando in modo tempestivo gli strumenti messi a disposizione dal Pnrr”.

Questa seconda variazione si rende necessaria per inserire i progetti PinQua (Programma nazionale della qualità dell’abitare), visto che è uscita la graduatoria del Ministero delle infrastrutture e questi interventi hanno lo scopo di dare inizio ai procedimenti – prosegue Valeria Giglioli –. Uno dei primi passaggi è appunto la variazione di oggi, rientrano in questa variazione anche i progetti di rigenerazione urbana, perché è stato necessario inserire le quote a mutuo per i progetti preliminari e definitivi. Altro aspetto rilevante di questa variazione è che viene applicato l’avanzo. Sono 800 mila euro che andranno a incrementare tutta una serie di interventi che riguardano le scuole dell’infanzia e le primarie, potenziando anche tutta un’altra serie di necessità: 80mila euro per il cavalcaferrovia, 20mila euro per la sistemazione di interventi del parco urbano che riguardano anche via della Scogliera, 20mila dedicati alla risistemazione di via Matteo Civitali, 20mila euro destinati alla riqualificazione e ampliamento dei parchi gioco comunali, 300 mila euro per la riqualificazione di parte del centro storico, area via della Zecca, via del Fosso e lo Stellare, un investimento consistente di 130 mila euro per la bicipolitana, 270 mila euro per la manutenzione straordinaria delle strade comunali nelle varie circoscrizioni, inoltre ci sono anche 40 mila euro di lavori sui fossi e sui condotti. Le cifre di cui andiamo a parlare complessivamente sono per il 2021 di 30 milioni, quasi 50 milioni nel 2022 e per il 2023, 48 milioni. I progetti di rigenerazione urbana inseriti riguardano i campi dell’acquedotto, la palestra di san Lorenzo a Vaccoli, la palestra Bacchettoni, la riqualificazione esterna di Villa Bottini e molto altro”.
“Un ultima cosa – conclude l’assessora –, lo strumento del PinQua lo consideriamo importantissimo non solo per la riqualificazione di un’ampia zona del territorio comunale: i progetti riguarderanno interventi che vanno dalla sistemazione dello scalo merci, alla riqualificazione dell’oleificio Borella per alloggi Erp e alla riqualificazione dell’area ex Gesam. Per l’area di Ponte a Moriano, è previsto un intervento importante di riqualificazione dell’edificio del sito est del manichino, che verrà caratterizzato dalla dotazione di tutti gli strumenti per avere una completa accessibilità a tutto gli edifici per persone affette da disabilità e interventi importanti sui temi degli spazi comuni. Altri interventi del PinQua riguardano il retro di piazza Cesare Battisti e la riqualificazione di un campo sportivo in zona Saltocchio e di altri ambienti degradati”.

La dottoressa Antonella Giannini dell’ufficio edilizia pubblica, fa alcune precisazioni sui progetti Pinqua, con particolare riguardo riguardo agli investimenti previsti nei prossimi anni: “L’importo dei progetti Pinqua che riguardano la zona di san Concordio Lucca è di 18 milioni, per i Pinqua di Ponte a Moriano la cifra è di 15 milioni. Dentro questi Pinqua sono stati attribuiti altri progetti già avviati dall’amministrazione e sono serviti per aumentare il punteggio. La graduatoria è appena uscita ed entrambi i progetti sono stati messi a finanziamento. Adesso cerchiamo di capire quali sono i tempi per i successivi passi, sappiamo che entro 60 giorni dovrebbero uscire i decreti di finanziamento. Noi ci stiamo muovendo tempestivamente perché alcuni progetti hanno bisogno di varianti urbanistiche. Nel complesso, sono sei le varianti da approvare”.
Per i progetti di rigenerazione urbana sono circa 20 milioni di euro a finanziamento – aggiunge la dirigente –, la graduatoria dovrebbe arrivare a fine agosto. I progetti riguardano il mercato del Carmine, il parco di Villa Bottini, la realizzazione del nuovo laboratorio del Teatro del Giglio a san Filippo, la palestra di san Lorenzo a Vaccoli, la riqualificazione dei campi all’acquedotto e la rigenerazione di un parco urbano in via della Scogliera. L’amministrazione ha inoltre intenzione di procedere all’acquisto di un ex convento a Vicopelago per un progetto importante sull’edilizia residenziale pubblica per una cifra di 500mila euro”.

La Commissione lavori pubblici approva la seconda variazione con cinque voti favorevoli e un astensione, anche la Commissione politiche di bilancio approva la mozione con quattro si, un astenuto e un consigliere che non ha partecipato al voto.

La CDommissione politiche di bilancio procede con la discussione di una seconda pratica, che riguarda il bilancio di previsione 2021-2023, salvaguardia degli equilibri di bilancio e assestamento generale, verifica dei provvedimenti e approvazione.
“Entro il 31 luglio di ogni anno il Consiglio delibera la salvaguardia che da atto del permanere degli equilibri di bilancio – spiega l’assessore Giovanni Lemucchi –. La pratica rimane nei termini ma siamo arrivati un po’ lunghi a causa dei problemi legati al Covid. Vogliamo adempiere alla scadenza perché con questa manovra, mettiamo a disposizione cifre importanti. Nel piano degli alienamenti avevamo previsto un 2021 difficile a causa del Covid, ci eravamo premuniti per mettere a disposizione cifre importanti per i settori maggiormente colpiti dalla pandemia. L’intervento del Governo che ammonta a 6 milioni circa, noi mettiamo a disposizione 7 milioni e mezzo, per un totale di quasi 11 milioni. Nel 2021 abbiamo fatto alcune delibere, abbiamo abolito la tassa di soggiorno e ticket bus per tutto il 2021, minori introiti arrivano dal canone della concessione del suolo pubblico, abbiamo ridotto i canoni per l’utilizzo di immobili comunali destinati a attività produttive, la riduzione ha riguardato anche i canoni per l’utilizzo di spazi comunali per gli enti del terzo settore, il contributo per riduzione Tari delle attività economiche, le misure urgenti per la solidarietà alimentare per il sostegno alle famiglie e molto altro.
I più significativi interventi riguardano 900 mila euro nel settore sociale, un milioni per il sostegno delle attività economiche, 650 mila euro alla scuola, un implemento consistente per la Cultura volto a finanziare il calendario Vivi Lucca e per un progetto di valorizzazione della biblioteca dell’agorà con risosrse di 800 mila euro, 200 mila euro vanno alle attività sportive, 94 mila euro per noleggio delle torri faro dello stadio Porta Elisa per la prossima stagione, 273 mila euro di rimborsi tributari e oltre 140 mila euro per l’ufficio di gabinetto. Si tratta di una salvaguardia di notevole entità che non ha precedenti negli anni passati”.

Anche la seconda pratica in discussione viene approvata dalla Commissione politiche di bilancio con tre voti favorevoli e due non votanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.