Quantcast

La solidarietà del Consiglio ai lavoratori Gkn: “Ora c’è bisogno di atti concreti”

La seduta è stata aperta dalla testimonianza di Matteo Moretti: "Le istituzioni devono mettere in concreto tutta la solidarietà che ci hanno dato"

Il consiglio comunale di Lucca, e tutta la città, ribadisce la propria solidarietà ai lavoratori della Gkn. Questa sera (29 luglio) ha dimostrato la propria vicinanza ai 422 lavoratori della Gkn in mobilitazione dopo la notizia di licenziamento comunicata loro dalla multinazionale britannica per mail.

Lucca, delegazione del consiglio comunale dai lavoratori Gkn

La seduta di stasera è stata aperta dalla testimonianza di un dipendente dell’azienda di Campi Bisenzio, Matteo Moretti: “Prima di tutto vi ringrazio per l’invito. Oggi siamo al 21esimo giorno e crediamo che con ieri sera si sia chiusa un fase, quella dell’ascolto e del dialogo con tutti. Ora entriamo nella fase in cui c’è bisogno di risposte e atti concrete, che per ora sono arrivate solo dal Comune e più o meno dalla Toscana con la delibera che ha fatto passare all’unanimità. Però, ripeto, bisogna trasformare tutto in atti concreti: in tutto questo il Governo balbetta, latita. È bello ricevere solidarietà, ma ad un certo punto diventa imbarazzante. L’azienda non sta a guardare e ci ha inviato una lettera abbastanza pesante. Noi da oggi entriamo in una seconda fase in cui tutte le istituzioni devono mettere in concreto tutta la solidarietà che ci hanno dato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.