Quantcast

Vaccino Covid, nel giardino di Palazzo Orsetti una serata dedicata ai giovani

L’iniziativa è inserita nel progetto La notte è giovane con noi, voluto da Comune e Asl, assieme all’associazione Onda espressiva

Una serata in giardino, dedicata ai più giovani e alle loro famiglie, per un confronto sincero e approfondito sull’opportunità di ricevere il vaccino per il Covid-19.

Si chiama Vaccinar/Si’ – effetti desiderabili – scrivo, parlo, chiedo, il laboratorio che si svolgerà giovedì prossimo (5 agosto) nel giardino di Palazzo Orsetti in via del Loreto in Centro storico, dalle 19 alle 20,30, organizzato e condotto dall’Unità operativa semplice Educazione e promozione della salute area nord dell’Asl Toscana nord ovest, in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Lucca.

L’iniziativa è inserita nel progetto La notte è giovane con noi, voluto da Comune e Asl, assieme all’associazione Onda espressiva: un piano di prossimità e sicurezza, dedicato alle ragazze e ai ragazzi lucchesi, e che per tutto il mese di agosto prevede – in orario serale e notturno – sportelli con incontri, appuntamenti tematici, spazi di ascolto e orientamento, proprio nei luoghi vicino alla movida.

A presentare l’appuntamento è la responsabile dell’Educazione e promozione alla salute Valeria Massei, assieme ai consiglieri comunali delegati alla salute e alle politiche giovanili, Cristina Petretti e Daniele Bianucci.

“L’idea del nostro laboratorio sulla vaccinazione anti Covid19 o meglio sulla esitazione vaccinale nasce dalla nostra convinzione che la strategia della cosiddetta “spinta gentile” possa essere un ottimo modo per contrastare tale fenomeno – spiega Valeria Massei – L’organizzazione mondiale della sanità ci ricorda che l’esitazione vaccinale rappresenta ‘un ritardo o un rifiuto delle vaccinazioni nonostante la loro disponibilità’, ed è una delle dieci minacce alla salute globale, accanto a Hiv, Dengue e patogeni capaci di causare pandemie. E’ per questo che vogliamo affrontare in ‘maniera gentile’ i dubbi, le paure ed anche il rifiuto delle persone a vaccinarsi, offrendo ai ragazzi e ai cittadini in generale un luogo neutro e non giudicante dove conversare, confrontarsi e dove ricevere le risposte alle domande che vorranno fare. Speriamo di contribuire ad aumentare la consapevolezza e la responsabilità verso se stessi e la Comunità e favorire, per quanto possibile, attraverso il dialogo e non attraverso lo scontro, un differente e migliore rapporto dialogico tra persone con diverse idee e convinzioni sulla vaccinazione anti Covid19”.

“Anche i nostri giovani stanno pagando il prezzo più alto di questa pandemia, con una socialità che ormai da un anno e mezzo è praticamente azzerata – sottolineano Cristina Petretti e Daniele Bianucci – Per questo, abbiamo ritenuto importante e urgente avviare una serie di iniziative di prossimità, dedicate proprio alle ragazze e ai ragazzi lucchesi: per contribuire attivamente ad una ripartenza che, è il nostro auspicio, sarà per loro consapevole e improntata alla sicurezza”.

Oltre agli operatori dell’Educazione e promozione alla salute, al confronto sarà presente anche un medico vaccinatore dell’Unità funzionale Igiene pubblica e nutrizione della Piana di Lucca. L’incontro è gratuito, ma è necessario segnalare la presenza alla mail politichegiovanili@comune.lucca.it.

Alla stessa mail è possibile anche inviare domande sulle vaccinazioni da sottoporre all’esperto; le risposte saranno restituite, in forma anonima, nel corso del workshop.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.