Quantcast

Si farà il nuovo sottopasso alla stazione. Dallo Stato arrivano quasi 2 milioni di euro

L'opera, inserita nel contesto di piazzale Ricasoli, risolverà definitivamente il conflitto fra pedoni e biciclette che si spostano fra il centro e la stazione

Si farà il nuovo sottopasso alla stazione: l’amministrazione comunale ha ottenuto un finanziamento di 1,8 milioni di euro da parte dello Stato per poter mettere in cantiere l’opera che è già in stato avanzato di progettazione e che andrà a completare la fluidificazione e la messa in sicurezza della viabilità attorno alla cerchia delle Mura urbane.

piazzalericasoli.JPG

L’amministrazione Tambellini infatti, nel corso di questi due mandati amministrativi, ha concentrato risorse e progettualità sulla circonvallazione, realizzando il sistema della doppia rotatoria fuori porta Elisa, la nuova rotatoria in corrispondenza dell’hotel Celide, la nuova rotatoria e sottopasso ciclo-pedonale fuori porta Sant’Anna e, attualmente in fase di costruzione, la nuova rotatoria fuori Porta San Iacopo. Sono stati inoltre realizzati, sempre nel corso di questi anni, ampi tratti dell’anello di mobilità dolce attorno agli spalti delle Mura e appositi interventi hanno riguardato la messa in sicurezza, con sistemi intelligenti di illuminazione a led, di alcuni attraversamenti pedonali di superficie.

Il nuovo sottopasso ciclo-pedonale, inserito nel contesto di piazzale Ricasoli, risolverà definitivamente il conflitto fra pedoni e biciclette che si spostano fra il centro storico e la stazione e il traffico veicolare di via Regina Margherita. Il progetto, che è già nella fase esecutiva, si interfaccerà con l’altra progettazione in corso, quella per il nuovo centro intermodale e terminal vus all’ex scalo merci: per questo si prevede che il suo tracciato parta dalla pista ciclabile delle Mura in corrispondenza del lato est di piazzale Ricasoli e arrivi sempre sul lato est della piazza. In questo modo infatti potrà intercettare il flusso in uscita dal centro intermodale, oltre che dalla stazione.

Anche il Mercato del Carmine ha ottenuto importanti risorse, in questo caso dalla Regione Toscana: 320mila euro di finanziamento nell’ambito del bando “Interventi di riqualificazione del patrimonio storico e di pregio degli enti locali toscani”, che assieme a 80mila euro messi a disposizione direttamente dal Comune, serviranno a rifare tutti gli infissi in ferro e legno della ex chiesa del complesso, in parte recuperando e in parte sostituendo l’esistente. La chiesa sarà inoltre resa accessibile anche alle persone con disabilità. Dopo i lavori eseguiti negli anni passati sull’antisismica e le coperture, queste nuove risorse e interventi consentiranno di impostare un nuovo avviso pubblico per la concessione della ex chiesa che dovrebbe risultare meno complessa e dunque più appetibile per gli eventuali soggetti interessati.

Soddisfazione per questi importanti obbiettivi centrati è stata espressa dall’assessore ai lavori pubblici Francesco Raspini. “La progettualità messa in campo dall’amministrazione comunale in questi anni – ha dichiarato – sta dando nuovi, importanti frutti. Lavorare per avere progetti pronti a intercettare finanziamenti da parte degli enti sovraordinati, dalla Regione fino all’Europa, passando per lo Stato, significa metterci nella condizione ottimale per portare nuove opportunità di sviluppo alla città e al territorio nel suo complesso. Tutti questi sono altrettanti tasselli che fanno parte di quella idea di città da far progredire ulteriormente in futuro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.