Quantcast

Diritto all’abitare, la Regione a caccia dei fondi del Pnrr per l’emergenza casa video

L'assessora regionale Serena Spinelli al convegno di Sunia alla Pia Casa: "L’obiettivo è quello di sviluppare gli insediamenti abitativi anche in funzione di presidio sociale e di comunità"

Si è svolto oggi (12 novembre) alla Pia Casa di Lucca il convegno Percorsi per una politica abitativa inclusiva. Al centro dell’incontro, al quale ha preso parte anche l’assessora regionale alle politiche sociali Serena Spinelli oltre a Cgil e Sunia Toscana, il tema del diritto all’abitare. E a questo riguardo la Regione Toscana punta sui fondi del Pnrr, in cui si mettono a disposizione 93 milioni.

diritto all'abitare

“Il tema del diritto all’abitare deve tornare al centro delle politiche del nostro Paese, sia in termini di risposta al bisogno e all’emergenza abitativa, che per le sue implicazioni a livello sociale, anche alla luce delle ricadute della pandemia. Ringrazio Cgil Toscana e Sunia Toscana per l’organizzazione e per l’invito a questo momento di confronto e approfondimento – ha proseguito -. La qualità dell’abitare non si misura solo sul comfort abitativo: per stare bene in un ambiente occorrono anche attività sociali, servizi, infrastrutture, verde. Ogni politica abitativa deve quindi mettere al centro anche la possibilità di spazi e relazioni sociali e prevedere la generazione di un ambiente inclusivo e sostenibile, che risulta migliore per la qualità della vita di tutti”.

“La questione abitativa – sono ancora parole di Serena Spinelli – si affronta tenendo insieme la necessaria ricerca di alloggi  alla costruzione di una comunità più sostenibile, più innovativa, capace di generare vera inclusione sociale. Pensiamo alle persone più fragili, con disabilità, agli anziani: è estremamente importante per loro che gli spazi dell’abitare siano spazi di vita, pensati e organizzati in modo che favoriscano la coesione delle comunità, con la presenza di servizi comuni e di luoghi per la socializzazione, in connessione. Siamo impegnati insieme ai Comuni per la riqualificazione del patrimonio Erp, con l’opportunità rappresentata dai 93 miliardi nei prossimi sei anni del Piano Sicuro, verde, sociale del Pnrr. Così come tutti i progetti regionali finanziati dal Programma nazionale della qualità dell’abitare del ministero per le infrastrutture mirano alla rigenerazione urbana coniugando qualità degli spazi, contrasto al disagio abitativo, sostenibilità e coesione della comunità. L’obbiettivo è quello di sviluppare gli insediamenti abitativi anche in funzione di presidio sociale e di comunità. Un approccio che riteniamo debba essere sostenuto in tutti gli strumenti legati alla casa, dato che qualità dell’abitare, qualità della vita e coesione sociale sono strettamente interconnesse tra loro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.