Quantcast

Rifiuti in centro storico, Vcs: “Con gli operatori in più non risolveremo il problema”

La provocazione del gruppo: "Invece delle Pantere a piazza Santa Maria non sarebbe il caso mettere due grandi sacchi di spazzatura?"

“Siamo certi che con sei operatori in più nel centro storico i problemi saranno risolti?”. Il comitato Vivere il centro storico torna all’attacco sul tema rifiuti: “Prima – scrive il gruppo – c’erano alcuni sacchetti lasciati sulla strada dopo le 9 e quindi l’assessore Raspini ha ritenuto di risolvere il problema spendendo 3 milioni di euro per installare i cassonetti. Peccato che questi siano poi diventati delle minidiscariche con sacchetti sulla strada h24″.

“I motivi? – prosegue il comitato – Magari i cassonetti non vengono svuotati con la frequenza dovuta, magari non si aprono regolarmente, magari non tutti i cittadini hanno la tessera perché sono evasori totali e l’Azienda non riesce a stanarli. Nel 2019 noi denunciammo che secondo le nostre ricerche Sistema Ambiente fatturava 25 milioni l’anno e, almeno a quel tempo, c’erano 16 milioni di crediti non riscossi. Adesso ci domandiamo se la situazione è cambiata. La cosa ci interessa non poco perché nelle municipalizzate i debiti esistenti a fine anno vengono spalmati in bolletta e quindi pagati da tutti gli onesti cittadini”.

“Ricordiamo con piacere – prosegue la nota – quando ai tempi delle amministrazioni passate, invece di spendere 600mila euro per delle spazzatrici, che di fatto puliscono poco e male, impediscono la sosta nei giorni di servizio e che sono così rumorose da svegliare i cittadini all’ alba, c’erano gli operatori che con la loro ramazza pulivano per davvero”.

“Che dire poi del problema dei rifiuti prodotti dai locali che adesso sono autorizzati a lasciare i loro bidoni fuori per gran parte delle 24 ore – prosegue Vcs – Per non parlare poi delle 17 attività di ristorazione autorizzate a lasciare sulla strada, o anche su piazze monumentali, i loro bidoni per tutto il giorno e per tutta la notte con la giustificazione che non hanno spazio dentro il loro bar o ristorante. Il bello è che in questa lista ci sono alcuni dei più grandi e famosi locali del Centro storico e quindi la domanda ci sorge spontanea: se loro non possono mettere i bidoni dentro quando non li usano chi altri può farlo? Perché questa facilitazione che provoca ‘piccole discariche permanenti’ anche in luoghi di importanza monumentale?”.

“Noi riteniamo che invece di spendere 3 milioni per installare i cassonetti sarebbe stato sufficiente effettuare la raccolta porta a porta alla sera – conclude il gruppo – ma l’assessore Raspini non ci ha mai voluto nemmeno prendere in considerazione. Pensare che con 6 operatori in più si risolva il problema dei rifiuti nel centro storico ci lascia molto dubbiosi. Sarà il caso di cambiare l’iconografia della città? Invece delle pantere a Piazza Santa Maria non sarebbe il caso mettere due grandi sacchi di spazzatura? Giusto per far vedere ai turisti quello che li aspetta”.

Foto inviata dal Comitato Vivere il Centro Storico

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.