Quantcast

Luci di Natale, per Confcommercio troppe zone al buio: “Il Comune rimedi”

Matteo Pomini del Centro commerciale naturale Città di Lucca: "È andata anche peggio di come pensavamo"

A seguito dell’accensione delle luci di Natale nel pomeriggio di venerdì, nell’ambito di un progetto curato quest’anno esclusivamente dal Comune, Confcommercio ha ricevuto numerose segnalazioni da parte dei commercianti delle zone rimaste al buio o scarsamente illuminate, sia in centro storico sia nei quartieri della prima periferia.

Il presidente del Centro commerciale Città di Lucca Matteo Pomini esprime le proprie considerazioni al riguardo: “Solo una decina di giorni fa – dice – ci eravamo espressi in modo chiaro sul fatto che il Comune avrebbe dovuto accendere le luci in contemporanea in tutta la città, per non creare zone di serie A e altre di B. Le cose in realtà sono andate ancora peggio, perché ci sono strade che, anziché avere pendane spente, non le hanno per niente. Una situazione inaccettabile che chiediamo al Comune di sanare al più presto, dando così eguale dignità a tutte le vie e piazze di Lucca”.

“Si potrebbe obiettare – prosegue Pomini – che anche gli anni scorsi, quando capofila del progetto delle luci era il nostro Ccn, ci fossero alcune strade al buio, ma in quel caso le condizioni erano ben diverse e chiare a tutti: alle attività commerciali veniva chiesto un contributo economico e laddove non veniva raggiunto un numero sufficiente di adesioni, le pendane non venivano montate. La libera scelta, in sostanza, veniva lasciata ai commercianti, con diverse settimane di preavviso peraltro. A differenza di quest’anno, con il Comune che ha scelto di accollarsi interamente le spese di montaggio, ma ha poi deciso di sua iniziativa quali strade illuminare e quali lasciare al buio, senza lasciare sotto questo punto di vista spazio al dialogo”.

“Un brutto pasticcio – insiste il presidente del Ccn -, che giunge peraltro proprio nell’anno in cui il mondo del commercio sta provando a rialzarsi e a vivere un Natale che possa essere il più “normale” possibile. E certo questa immagine di una Lucca illuminata a macchia di leopardo non giova alla sua attrattività”. “Ormai il danno è fatto – chiude Pomini -, ma chiediamo con forza al Comune di attivarsi da subito per rimediare quanto prima”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.