Quantcast

Porta Elisa si illumina di giallo contro la pena di morte

Si celebra la prima abolizione della pena capitale, quella del Granducato di Toscana, risalente al 1786

Anche la città di Lucca aderisce alla giornata internazionale Città per la vita – Città contro la pena di morte, che si celebra da vent’anni il 30 novembre, perché questa è la data della prima abolizione della pena capitale, quella del Granducato di Toscana, risalente al 1786.

La Comunità di Sant’Egidio, che promuove l’iniziativa, sottolinea come nel corso del 2020 si sia registrata un’ulteriore diminuzione del ricorso alla pena di morte nel mondo e come tuttavia diversi paesi ancora mantengano la pena capitale e siano ancora alcune migliaia le persone su cui pesa una condanna a morte. Lo scorso mese di dicembre a questo riguardo l’assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una nuova risoluzione per una moratoria universale della pena capitale.

Per richiamare tutti a un impegno comune volto ad abolire la pena capitale in quegli stati che ancora perseverano in questa pratica definita da papa Francesco “una misura disumana che umilia, in qualsiasi modo venga perseguita, la dignità personale”, questa sera Porta Elisa verrà illuminata di giallo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.