Quantcast

Lucca, dopo anni di attesa il Boccherini diventa conservatorio statale video

Un lungo percorso, talvolta accidentato, si è concluso con la comunicazione ufficiale della statalizzazione

Un percorso lungo, accidentato e a volte rimasto in stallo ma che ora vede il suo atteso epilogo. Il Boccherini, dove ha studiato anche il maestro Giacomo Puccini, diventa conservatorio statale. La comunicazione ufficiale è arrivata in queste ore dal Ministero dell’Università e della Ricerca, che ha fatto pervenire agli uffici l’esito positivo della valutazione delle istanze di statizzazione da parte dell’apposita commissione. Ora mancano solamente il decreto ministeriale e la firma della convenzione.

Boccherini

L’obiettivo della statizzazione è stato perseguito per anni, attraverso il lavoro dell’Istituto e delle amministrazioni che si sono avvicendate alla guida del Comune di Lucca.

La presidente Maria Talarico, il direttore GianPaolo Mazzoli e il sindaco Alessandro Tambellini esprimono soddisfazione “per l’importante traguardo, fondamentale nel mettere al sicuro e dare valore al grande patrimonio culturale, storico e artistico che il Boccherini racchiude tra le sue mura e che da anni il conservatorio si impegna a divulgare e far conoscere in Italia e all’estero”.

Nei prossimi giorni verrà decisa la data della firma della convenzione e in quell’occasione saranno diffusi i dettagli dell’operazione.

“Si conclude un lunghissimo percorso voluto dalla città intera – ha affermato il sindaco Alessandro Tambellini -. Questo passaggio segna il riconoscimento per un’istituzione che quest’anno compie 180 anni. Il ‘Boccherini’ ha formato migliaia di musicisti ed è stato il fulcro e il custode delle tradizioni musicali della nostra città. Se Lucca ha una valenza europeo nella storia nella musica e musicisti di fama internazionale quali Guami, Geminiani, Boccherini, Catalani e Puccini lo si deve alla qualità delle sue scuole e istituzioni musicali. E questo ruolo è oggi confermato da tanti professionisti usciti dall’Istituto di piazza del Suffragio che lavorano in Italia e nel mondo e da un corpo docenti d’indiscusso valore”.

“Un passaggio importante – ha detto l’assessore regionale Stefano Baccelli – per guardare al futuro di un luogo simbolo per chi ama la musica e per tutta la città”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.