Quantcast

Lucca Family net, ultimi giorni per accedere ai finanziamenti

C'è tempo fino alle 12 di lunedì (31 gennaio)

Dal miglioramento delle performance lavorative alla riduzione della disparità tra uomini e donne passando per l’aumento delle capacità di attrarre talenti.  Sono questi solo alcuni dei vantaggi che porta l’adozione di un piano di conciliazione tempi di vita e lavoro per le organizzazioni pubbliche o private, profit o non-profit, di piccole, medie e grandi dimensioni che intendano costruire, implementare e certificare il proprio costante impegno per il bilanciamento della vita lavorativa con la vita personale e familiare dei propri dipendenti tramite l’acquisizione della Certificazione family audit.

C’è tempo fino al 31 gennaio per accedere al finanziamento di 60mila euro messo a disposizione dalla Provincia di Lucca per la realizzazione di politiche di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per i propri dipendenti all’interno di un percorso finalizzato all’acquisizione della Certificazione Family Audit.

“Si tratta di un intervento unico nel suo genere, sul territorio – commenta la consigliera con delega alle Pari opportunità Maria Teresa Leone – e insieme della possibilità concreta di essere soggetto attivatore di un ciclo virtuoso e innovativo di buone pratiche e protagonista di un management attento e sensibile alla vita dei lavoratori”.

La Provincia di Lucca stessa ha ottenuto la certificazione Family Audit, riconosciuta dall’Agenzia per la coesione sociale, famiglia e natalità della Provincia autonoma di Trento, e sta offrendo percorsi di alta formazione gratuita alle organizzazioni che intendano farsi promotrici di una visione bilanciata delle risorse temporali a disposizione dei propri dipendenti. Il bando è possibile grazie ai finanziamenti del dipartimento delle politiche per la famiglia della presidenza del Consiglio dei ministri ed è finalizzato a innescare un ciclo virtuoso di miglioramento continuo nelle realtà lavorative, introducendo all’interno soluzioni organizzative innovative relativamente alla flessibilità del lavoro e alla cultura della conciliazione.

“Il bando – conclude Maria Teresa Leone – è un’importante occasione per garantire, agli enti che vorranno cogliere l’opportunità, una parziale copertura delle spese necessarie ad intraprendere questo considerevole percorso verso una più consapevole organizzazione del lavoro conciliante con le esigenze familiari ottenendo, a fine percorso, il marchio Family Audit”.

Il bando si trova qui. Le organizzazioni interessate dovranno presentare la propria istanza di candidatura entro le 12 di lunedì (31 gennaio) tramite la propria casella di posta elettronica o casella di posta elettronica certificata all’indirizzo provincia.lucca@postacert.toscana.it.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.