Quantcast

Si amplia la capillarità del fondo solidale: nuovo accordo con i sindacati foto

Metteranno a disposizione le loro sedi per accogliere le richieste di aiuto dei cittadini e inviarle ai centri di ascolto per la formalizzazione delle richieste

Anche i sindacati sosterranno il progetto Ri-Uscire. Questa mattina (26 gennaio) a palazzo Arcivescovile Rossano Rossi, segretario provinciale della Cgil di Lucca, Massimo Bani, segretario generale Cisl Toscana nord e Antonio Malacarne, in rappresentanza della Uil di Lucca, si sono infatti incontrati con don Simone Giuli, vicedirettore della Caritas diocesana, Ida Battaglini volontaria Caritas, Raffaele Berardi, vicepresidente dell’associazione Fondovivere della Versilia e altri operatori Caritas per concordare modalità di collaborazione relative al progetto Ri-Uscire.

A due anni dall’avvio dell’iniziativa, sostenuta da una grande alleanza di partenariato pubblico-privato che coinvolge la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, la Provincia e i suoi Comuni, l’Arcidiocesi di Lucca e attori del terzo settore, il progetto ha risposto a molte richieste di aiuto di persone che hanno subìto un processo di impoverimento a causa della pandemia. I centri di ascolto parrocchiali, dei soggetti del terzo settore e dell’associazione Fondovivere, presenti in tutto il territorio provinciale, in questi due anni, hanno accolto soggetti vulnerabili, vittime di processi di impoverimento a causa del covid19 proponendo un sistema integrato di azioni economiche finanziarie e di accompagnamento sostenuto da un Fondo solidale per la ripartenza.

“Il protrarsi della pandemia, purtroppo amplifica la crisi economica e la condizione di vulnerabilità di molte persone – sottolinea don Simone Giuli -. Ancora oggi il Fondo solidale per la ripartenza rappresenta uno strumento in grado di supportare il superamento dei processi di impoverimento dovuti all’emergenza economico-finanziaria, evitando la loro evoluzione in condizioni di povertà stabile, favorire la creazione di microcircuiti di economia di prossimità e di solidarietà di bassa soglia nelle comunità, accompagnare percorsi di riattivazione lavorativa”.

Al fine di rendere il Fondo solidale per la ripartenza ancora più presente nei contesti territoriali e intercettare più persone Cgil Cisl e Uil, a partire dal mese di febbraio, metteranno a disposizione le loro sedi per accogliere le richieste di aiuto dei cittadini e inviarle ai Centri di ascolto per la formalizzazione delle richieste.

“Da agosto 2020 a dicembre 2021 sono state accolte in totale 547 domande, di cui 214 prestiti di emergenza e 333 aiuti di solidarietà – precisa Raffaele Berardi -. Sono stati erogati 777,471 euro di cui 440,081 prestiti di emergenza e 337,390 aiuti di solidarietà. Ri-Uscire è uno strumento innovativo perché costruisce percorsi di ripartenza che si basano sulla prossimità alle persone ed è promosso da un’ampia rete pubblico-privato che, oltre a garantire le risorse economiche, realizza percorsi di accompagnamento centrati sui bisogni dei singoli”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.