Lucca, tornano i saldi estivi senza limitazioni per la pandemia video

Si prevede una spesa media pro capite tra i 150 e i 170 euro

Al via ai primi saldi post-pandemia senza restrizioni. Dopo due anni di limitazioni, da domani (2 luglio) e per i prossimi 60 giorni sarà caccia agli affari anche a Lucca e provincia.

saldi-estivi-2016.jpg

La speranza del settore è quella di poter rialzare la testa dopo i tempi più bui della pandemia.

“Quelli dell’estate 2022 sono i primi dal 2020 in cui i consumatori potranno muoversi liberamente senza ingressi contingentati ed uso di mascherine nei negozi – commenta Confesercenti Toscana Nord in una sua nota -: un elemento che porterà molte più persone a scegliere di acquistare in luoghi fisici anziché online. La spesa media pro-capite dei consumatori sarà tra i 150 ed i 170 euro. Dopo il flop dei saldi di gennaio 2022, dove si è registrato un trend negativo dato anche dalle restrizioni last minute a causa dell’aumento dei contagi da Covid-19, per i saldi estivi ci aspettiamo una buona partenza, ma registriamo una forte preoccupazione da parte delle imprese per il loro proseguimento per l’effetto dell’aumento dell’inflazione e del caro bollette, oltre che delle tensioni internazionali”.

E Confesercenti Toscana Nord illustra anche il risultato di un sondaggio da Swg rivolto agli imprenditori. “Dal sondaggio emerge che oltre la metà (il 57%) manterrà gli sconti per tutto il periodo – spiega l’associazione -, mentre quasi l’80% non ha anticipato i saldi con nessuna forma di promozione. Per quanto riguarda le percentuali di sconti applicata, due terzi degli intervistati parla del 20 e 30%, mentre solo un terzo indica il 40%. Sondaggio che spiega anche le difficoltà del commercio visto che il 57% del campione parla di flessione delle vendite nei primi sei mesi del 2022 rispetto al 2021”. La data di inizio dei saldi rimane un tema ancora divisivo anche secondo Confesercenti Toscana Nord. “Molti commercianti ritengono che sia opportuno spostare l’inizio dei saldi un po’ più avanti, intorno alla fine di luglio, altrimenti su certi prodotti si rischia di accorciare di molto la possibilità di vendita a prezzo intero, con un forte discapito per la necessaria marginalità. Su questo argomento ci stiamo operando per raggiungere una concertazione, ovviamente a livello nazionale”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.