Barriere anti-caduta sulle Mura, arriva lo stop della giunta al progetto

L'amministrazione guidata da Pardini prepara un sopralluogo per valutare altre soluzioni

Barriere anti caduta sulle Mura: arriva lo stop dell’amministrazione guidata dal sindaco Mario Pardini.

Il progetto varato dall’ex giunta Tambellini subisce una battuta d’arresto, con l’intenzione da parte della nuova maggioranza di trovare altre soluzioni.

La giunta comunale, infatti, sulla base di approfondimenti svolti negli ultimi giorni, ha deciso per una pausa di riflessione riguardo al progetto di nuove ringhiere sulle Mura concepito dalla precedente amministrazione, che “diventa una premessa per studiarne quantomeno una rimodulazione rispetto a quanto previsto da chi ha governato Lucca nel precedente quinquennio”, spiega Palazzo Orsetti in una nota.

Le procedure per la gara di affidamento dell’installazione di diversi chilometri di nuove barriere sulla cerchia urbana, così come volute dall’amministrazione Tambellini, sono infatti partite due giorni prima del ballottaggio del 26 giugno. “Questa circostanza del tutto anomala – osserva la nuova amministrazione – , insieme soprattutto a quella che viene ritenuta la necessità di rivalutare il progetto, ha fatto decidere la nuova giunta per un approfondimento che si terrà nelle prossime settimane. Si precisa che fino a che non sarà eventualmente firmato il contratto con la ditta aggiudicataria delle opere, l’ente avrà in qualsiasi momento la possibilità di intervenire, sia su una revisione del numero di ringhiere (ovvero una loro riduzione) sia di eventualmente revocare la gara senza incorrere in penali”.

L’obiettivo dell’amministrazione Pardini, su un tema molto sentito dalla cittadinanza, è di “esaminare con estrema attenzione l’estensione così vasta delle barriere, ritenendo invece non discutibile il rialzamento dei terrapieni e l’installazione di nuova cartellonistica sul corretto comportamento da tenere sulle Mura“. Già a partire dai prossimi giorni è previsto un sopralluogo della giunta sulla cerchia urbana, in modo da verificare sul posto quali sono le criticità e i punti di forza dell’ultima fase di restauro prevista, che ammonta a 590mila euro.

“Solo dopo aver visionato nei dettagli il precedente progetto – spiega il Comune -, facendolo direttamente sul monumento simbolo di Lucca, oltre che attraverso nuove interlocuzioni con i soggetti interessati all’intervento, sarà presa una decisione che tenga conto di tutti gli aspetti”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.