Menu
RSS

Scuola, gli auguri del vescovo nel segno di S.Francesco

giulieetiLunedì (16 settembre) riaprono le scuole. E l'arcivescovo, monsignor Paolo Giulietti, non ha voluto far mancare il suo messaggio di augurio per studenti, insegnanti e dirigenti scolastici.
"Cari amici e care amiche - scrive monsignor Giulietti - qualcuno si ricorderà di quando la scuola cominciava il primo ottobre; dopo qualche giorno ci sarebbe già stato il primo giorno di vacanza: la festa di San Francesco, patrono d’Italia (proclamato tale da Pio XII il 18 giugno 1939). Oggi la scuola inizia un po’ prima e il 4 ottobre non è più festa, eppure la persona del Poverello di Assisi ha sempre tanto da dire a noi Italiani, anche a quelli che vivono la scuola da studenti, genitori, insegnanti o personale non docente. Quest’anno in particolare, perché tocca proprio alla Toscana offrire l’olio che alimenterà nel 2020 la lampada che arde presso la tomba di San Francesco: i sindaci, i vescovi e tante persone da ogni angolo della Regione si recheranno ad Assisi, il 3 e 4 ottobre, per compiere questo gesto tradizionale. Presentando il programma delle celebrazioni, il cardinale Giuseppe Betori ne ha parlato come di un’occasione perché tutti possano riflettere “su come il volto autentico dell’uomo che Cristo ci ha rivelato, e che Francesco ha saputo così ben interpretare, possa essere ispiratore di una società più giusta e più attenta alla dignità delle persone”.

Leggi tutto...

A Porcari il docufilm '80 anni dopo' per coltivare la memoria storica

unti e cL’amministrazione comunale di Porcari ha deciso di promuovere, assieme a Provincia, Comune di Lucca, Fondazione Banca del Monte e Istituto Storico della Resistenza, il docufilm 80 anni dopo, nato da un’idea di Roberta Massei e la regia di Roberto Carli.  Una storia che richiama le vicende drammatiche di due uomini, Davide Massei e Dante Unti, quest’ultimo porcarese che abita a Rughi in corte Rossi, strappati dal loro lavoro e inviati come soldati nel conflitto in Jugoslavia, dopo l’inizio della Seconda guerra mondiale, e che si sono ritrovati solo 80 anni dopo.

Leggi tutto...

Grand Budapest Hotel, Anderson centra il capolavoro

The-Grand-Budapest-HotelIspirato alle opere dello scrittore austriaco Stefan Zweig vissuto nella prima metà del ‘900, questo film ambientato proprio in quel periodo, racchiude all’interno di sé una delicatezza unica nel raccontare il momento storico attraverso la metafora di un albergo in decadenza e di una guerra mista a razzismo che sta scoppiando nella repubblica immaginaria di Zubrowka.
Per i primi trenta minuti di Grand Budapest Hotel vengono alternate inquadrature fisse che sembrano quadri in movimento a movimenti di macchina estremamente veloci e lo spettatore non può far altro che rimanere letteralmente stupefatto da queste straordinarie scelte registiche di Anderson. Queste comunque non sono fini a se stesse, ma hanno un'estrema utilità a livello di sviluppo della sceneggiatura, perché permettono infatti al pubblico di entrare immediatamente nell’atmosfera surreale che ha la pellicola, gli permettono di attraversare molto più piacevolmente il prologo iniziale e lo preparano ad un film sicuramente non verosimile. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter