Quantcast

Lascito testamentario: come funziona

Più informazioni su

Fare un lascito testamentario a un ente benefico significa dare l’opportunità alle persone più fragili di alleviare la propria sofferenza, lasciando loro un orizzonte con spiragli aperti verso il futuro. Un’azione da fare per sé e per gli altri, in un’ottica di affermazione del valore della vita. Online è possibile trovare la guida per effettuare un lascito testamentario con tutte le informazioni su come fare testamento. Perché per un ente benefico a fare la differenza sono non solo le grandi cifre, ma anche le piccole donazioni.

Che cosa significa fare testamento

Per lascito testamentario, o testamento solidale, si intende un atto attraverso cui lasciare i propri beni o una loro parte a un ente benefico per progetti connotati da ragioni sociali e solidali. Un gesto di grande valore umano che rispecchia una visione della vita in cui l’esistenza è vista come un qualcosa di più grande e quindi come percorso in cui si dà importanza alla condizione di tutti gli esseri umani.

Il lascito testamentario è un atto personale di comunicazione delle proprie volontà e non può essere delegato ad altri. Le due tipologie più comuni di testamento sono:

  • Testamento olografo. Scritto a mano dalla persona, ben leggibile, con data e firma. Non è necessaria la presenza di testimoni né di un notaio, il quale si limiterà a curarne la pubblicazione.
  • Testamento pubblico. Redatto da un notaio alla presenza della persona che decide di farlo e di due testimoni; al notaio spetta anche la conservazione e la pubblicazione.

Chiunque può scegliere di fare un lascito testamentario, al di là di quanto sia cospicuo il proprio patrimonio.

Alcune precisazioni

In caso di lascito testamentario la legge tutela sempre i propri cari ovvero coniuge o soggetto unito civilmente, figli e genitori, i quali hanno diritto a una quota di eredità detta appunto “legittima”, anche in caso di testamento. Sono considerati i parenti fino al sesto grado; in loro assenza il patrimonio viene devoluto allo stato.

La legge stabilisce la presenza di una “quota disponibile” ovvero quella quota che fatta salva la quota per i soggetti legittimari rimane a disposizione del testatore il quale può decidere di destinarla a chi preferisce, compreso un ente benefico.

È possibile lasciare a un ente benefico oltre che un contributo in denaro anche beni immobili, titoli, azioni e fondi di investimento. Il lascito testamentario non è soggetto ad alcuna imposta, compresa quella di successione e finisce interamente a favore dell’ente indicato dal testatore.

Importante: nel caso di un lascito testamentario a favore di un ente benefico è bene porre attenzione alla corretta scrittura della denominazione, con nome e sede precise (e quindi via e città). Per essere sicuri non solo del rispetto della propria volontà ma anche del fatto che le persone più fragili possano beneficiare della donazione. Un piccolo grande gesto di umanità.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.