Le rubriche di Lucca in Diretta - Economia e finanza

Idea Service: “In Italia imprese poco innovative nonostante i finanziamenti a disposizione”

Il ministero dello sviluppo economico ha condotto nei mesi scorsi un’analisi delle aziende italiane per valutare lo stato di innovazione delle stesse. E’ emerso che solo l’8,4 per cento delle imprese manifatturiere italiane utilizza almeno una tecnologia 4.0. A segnalarlo è Idea Service, l’azienda della Santissima Annunziata che si occupa di finanziamenti alle imprese.
“A questa quota – prosegue Idea Service – si aggiunge un ulteriore 4,7 per cento di imprese che hanno in programma investimenti specifici nel prossimo triennio. Le imprese “tradizionali”, ovvero che non utilizzano tecnologie 4.0 e non hanno in programma interventi futuri, rappresentano ancora la grande maggioranza della popolazione industriale (86,9 per cento)”.
Il campione è di circa 23700 imprese. L’indagine inoltre mostra che solo il 56,9 per centodelle imprese 4.0 dichiara di aver utilizzato almeno una misura di sostegno pubblico, in larga prevalenza il super ammortamento e l’iper ammortamento, il credito d’imposta per le spese in ricerca e sviluppo, la nuova Sabatini e i fondi di garanzia.

“Questi dati – afferma l’ad di Idea Service, Lido Cei – dimostrano ancora una volta ciò che Idea Service sostiene ormai da tempo: la scarsa informazione sull’esistenza e sull’utilizzo dei contributi agevolativi a favore delle imprese. Ciò nonostante vari enti pubblici hanno attivato contributi agevolativi a fondo perduto per accompagnare le aziende nel processo di digitalizzazione ed innovazione, proprio a dimostrazione di quanto sia importante e di quanto si punti sull’Innovazione delle imprese italiane. Tra questi troviamo il Mise stesso il quale tramite il voucher digitalizzazione ha assegnato 342,5 milioni di euro circa alle imprese che sono risultate ammesse al contributo. La Regione Toscana è invece intervenuta attraverso il microcredito per gli acquisti in strumentazioni innovative 4.0, bando attualmente attivo fino ad esaurimento fondi e che concede un contributo a fondo perduto fino al 70 per cento dell’investimento ammissibile. Ed infine le Camere di commercio che attraverso il voucher digitalizzazione I 4.0 aiutano le imprese attraverso un contributo a fondo perduto pari al 70 per cento dell’investimento ammissibile relativi a progetti di consulenza e formazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.